Consigli per lo shopping “verde”

Con queste belle giornate dopo un inverno duro per uomini e piante come quello trascorso, è facile che ci venga voglia di girare per vivai, magari facendoci incantare da questa o quella pianta per poi renderci conto che da noi non si trova bene o che non è minimamente adatta al contesto per cui l’avevamo pensata. Le povere “vittime”, quindi, hanno così un destino già segnato. Quest’esperienza negativa spesso ci influenza così tanto da scoraggiarci e farci pensare che abbiamo un poco invidiabile “pollice nero” che non darà scampo ai nostri acquisti… Ma in realtà spesso non si tratta di questo.

Le piante in commercio sono studiate per essere in perfetta forma nel momento in cui vengono presentate ai potenziali clienti ma l’aspetto non sempre è garanzia di un buon acquisto, soprattutto per un occhio poco esperto. Bisogna pensare che molte piante vengono coltivate in condizioni protette sin dal seme, per evitare l’attacco di insetti o di batteri che ne comprometterebbero la crescita; alcune vengono “forzate” ovvero sottoposte ad un ciclo di coltura che non rispetta ciò che avverrebbe in natura (vengono alterati artificialmente illuminazione e temperatura) al fine di ottenere delle fioriture anticipate o fuori stagione, spesso vengono usati massicce dosi di concimi chimici che “spingono” la crescita, per non dire di quelle che i garden acquistano all’estero, che devono sopportare spesso dei lunghi viaggi compresse in poco spazio con poca luce. Insomma, tutto questo può indebolire la pianta e renderla facile preda dei parassiti che dovrà affrontare una volta arrivata nelle nostre case e piantata nei nostri giardini e balconi… Detto questo, come possiamo evitare una scelta sbagliata?

Ecco come risparmiarci facili delusioni.
* Prima di tutto, cerchiamo di resistere (lo so, non è mai facile!) e non compriamo mai piante che troviamo in fiore lontane dal loro periodo “naturale” di fioritura: saranno di sicuro più a rischio.

* Dividiamo l’acquisto in due momenti se ci è possibile: se notiamo una pianta che vorremmo avere, lasciamola lì (durissima, vero?), chiediamo e segnamoci il suo nome (botanico, possibilmente!) e torniamo a casa ad informarci sulle sue esigenze: utilissimo un buon libro o Internet, fonte inesauribile di conoscenza, che però spesso fornisce anche troppe e contradditorie informazioni; appoggiamoci quindi a siti affidabili o ad forum a tema, dove in genere ci sono molte persone che possono aiutarci.

*Accertiamoci della tipologia di pianta che ci serve: una pianta annuale o una perenne, considerando le differenze in ballo. La pianta annuale in generale fiorisce a più non posso per tutta la stagione calda dando fondo a tutte le sue energie (ad esempio gerani o surfinie) ma poi muore all’arrivo della cattiva stagione; la pianta perenne fiorisce con meno abbondanza e per un periodo più limitato ma può vivere per molti anni ed essere una presenza costante all’interno del nostro spazio verde.

* Verifichiamo che la pianta abbia le caratteristiche adatte al posto che abbiamo in mente per lei: la rusticità ovvero la sua resistenza al freddo se ci troviamo in zone a clima rigido, le dimensioni da adulta (fondamentale per non rischiare di piantare un albero di 20m in un vasetto da 15cm), la durata della fioritura (alcune sono brevissime, altre molto meno, altre rifioriscono in autunno, altre fioriscono d’inverno), eventuali aspetti poco gradevoli (odore indesiderabile, inseminazione diffusa, inestetismi vari).

* Rivolgiamoci per l’acquisto a vivaisti seri e affidabili (esistono vivai specializzati in alcune tipologie di piante, ad es. Priola per le erbacee perenni, Feletig per gli arbusti da bacca ecc.), chiedendone in Rete i nomi e verificando le esperienze di chi compra da tempo i loro prodotti.

Ad elencarle sembrano tante, le cose da imparare, ma facendo le vostre ricerche, vedrete che scoprirete anche tanto altro che non avreste mai immaginato e la vostra scelta finale acquisirà un valore molto diverso da quello di un acquisto d’impulso sull’onda del momento. Gli incoraggianti risultati vi renderanno orgogliosi e i vostri angoli verdi desteranno l’ammirazione di vicini, amici e parenti, oltre a darvi quel benessere e quella serenità che solo le cose che riusciamo a fare con le nostre mani possono donarci.

PS. E questo weekend le occasioni per lo shopping verde certo non mancheranno, ecco gli appuntamenti da non perdere:
Primavera alla Landriana Sito ufficiale
Este in Fiore www.esteinfiore.it
Ortinparco per i patiti di ortaggi Sito del Comune di Levico Terme
Nel segno del Giglio Sito del Comune di Colorno
– Il giardino di delizia www.ilgiardinodidelizia.it

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Consigli per lo shopping “verde”

  1. Mostrerò questo articolo a mia madre. A lei il giardinaggio riesce particolarmente bene.
    Complimenti per il nuovo blog, davvero interessante per chi ama la natura come me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *