Orticola, si riuniscela Milano “da bere”

Ad Orticola, Fiori & Foglie c’è stata, inaugurazione compresa. L’aperitivo che riunisce la Milano bene è avvenuto giovedì intorno alle 19.00, dopo il discorso di apertura ma la parte interessante è stata osservare gli ospiti, tantissimi in verità, che passeggiavano per la mostra.

L’abbigliamento di gala era d’ordinanza, come del resto la presenza dei vip ma sicuramente il pezzo forte è stato, come da tradizione, la mise delle signore, che doveva recare traccia del tema floreale.

L’accessorio più utilizzato è stato, oltre ai prevedibili vestiti a fiori, il cappellino, in tutte le fogge. L’evento infatti si presta alla creatività, richiamando il lusso e l’eccentricità che le signore dell’alta società inglese sfoggiano tradizionalmente durante il Royal Ascot, il concorso ippico più famoso al mondo.

A dire il vero, seppure ci sono state alcune curiose performance, la “Milano da bere” ha evitato in realtà gli eccessi tipicamente anglossassoni, con mia grande delusione 😉 anche se, a pensarci, qualcosa di estroso c’è stato.

Imperdibili per esempio il cappellino con la bicicletta, con tanto di orsacchiotto nel cestino o l’agreste cerchietto rivestito di edera mentre ho molto apprezzato la soluzione economica con cappellino di paglia e rosa fresca di taglio dell’ultima ora oppure (ma meno economica di sicuro) il cappello a tesa larga con lunghe cocche di chiffon a cui erano state applicate corolle di fiori e farfalle, il tutto abbinato a scarpe con cinturino floreale alla caviglia in tinta. Chicche queste, che facevano da contrappunto ad una folla di buona società in ghingheri ma pur sempre con l’eleganza sartoriale del Made in Italy.

E c’è da dire che anche durante la mostra-mercato nei giorni successivi alcune scene tra i comico e il curioso non hanno mancato di imprimersi nei miei ricordi: griffatissime signore non più giovani seguite da mariti arrancanti (altrettanto se non più anziani) abbracciati ad enormi vasi di rose, costosi acquisti trasportati da taxi che attendevano fuori dai cancelli o stipati in massa in mini spider all’ultimo grido sicuramente non pensate per il  carico vegetale…
Insomma, Orticola è una fiera di piante, ma di sicuro è soprattutto una fiera di persone: uno spaccato di società che è raro vedere esprimersi, se non in contesti più ristretti e decisamente meno alla portata dello sguardo comune.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *