Le orchidee del supermercato? Sorpresa: sono un ottimo acquisto!

Da qualche tempo nei banchi del supermercato le orchidee sono apparse in massa. In particolare la più diffusa, la phalaenopsis, detta “Orchidea farfalla” o “Orchidea falena”. I fiori sono tanto belli che sembrano quasi fatti di plastica. Le piantine si presentano sul banco in un vasetto striminzito e con una decina di euro, a volte meno, ce le possiamo portare a casa. Ma ne vale veramente la pena?

Se è vero che su Ebay.it viene acquistato un articolo di giardinaggio ogni 2 minuti, con un incremento degli acquisti del 50% annuo, significa che gli italiani si stanno sempre più interessando al mondo del verde, anche se sono restii ad investire troppi risparmi. Quindi comprare un’orchidea, una pianta notoriamente tropicale, sembrerebbe un azzardo non da poco! In realtà non è così. Se tratterete la vostra phalaenopsis nel modo corretto, vi ripagherà abbondamente dei vostri soldi. E lo farà molto meglio di una piantina qualsiasi.

Sì perché le phalaenopsis sono le orchidee più semplici da coltivare. Hanno poche basilari necessità e le fioriture possono durare fino a due mesi consecutivi, senza parlare del loro indiscusso fascino tropicale. Quelle che troviamo sul mercato sono “phal” (come le chiamano gli appassionati) piuttosto robuste: a differenza di quasi tutte le altre orchidee, tollerano anche qualche errore di coltivazione. Questo perché non si tratta quasi mai di esemplari della specie originaria ma di ibridi. Queste piante vengono selezionate tramite decine di incroci per dare il massimo risultato (soprattutto fiori numerosi, grandi, di tanti colori) pur allevate in ambienti ben differenti da quelli di provenienza, le umide foreste pluviali asiatiche.

E i risultati della coltivazione casalinga possono essere notevoli. E i vantaggi ci sono tutti. La phal ibrida è una pianta elegante e compatta, che occupa poco spazio in casa. Si adatta benissimo ad essere coltivata in appartamento (perfetto anche il bagno!) davanti ad una finestra luminosa ma schermata (con una tenda leggera, per esempio) dai cocenti raggi diretti del sole.

Lasciatela nel suo vasetto di plastica con i pezzetti di corteccia: a noi sembra stretto ma dobbiamo pensare alle orchidee come piante che vivono sugli alberi (“epifite” dunque), a cavallo dei rami, quindi in spazi piuttosto sacrificati. Inoltre il vaso di plastica aiuterà la pianta a mantenere l’umidità che in natura troverebbe nell’atmosfera. Vedere le radici, turgide e sane, che escono dalla superficie è normale e augurabile. Procederemo al rinvaso solo quando la pianta crescerà tanto da uscire quasi dal suo contenitore. Nel frattempo, questo sì, le regaleremo subito un coprivaso (senza buco sul fondo), magari di ceramica, per evitare che la pianta, con il peso dei fiori, si capovolga al primo filo di vento.

L’acqua è un tasto importante. L’orchidea in questione ha bisogno di essere bagnata in modo un pò diverso da solito. Se infatti l’annaffierete come fate con una pianta da giardino, morirà “annegata” in breve tempo 😉 Le basta un …bagnetto invece, una volta alla settimana in estate, anche ogni due in inverno. Come fare? Riempite il coprivaso d’acqua con dentro il vasetto fino a circa 2 terzi e lasciate la vostra orchidea “a guazzo” per circa mezz’ora. Vedrete che le radici si riempiranno d’acqua prendendo un bel colore verde acceso. Passato il tempo svuotate tutto, sgrondando bene e rimettetela al suo posto. Il gioco è fatto, semplice no? Ma vi avviso: le orchidee sono come le ciliege. Una volta presa la prima, prendere la seconda e poi la terza sarà questione di giorni!

Per altre informazioni ottime fonti in Rete sono, come sempre, i siti e i forum a tema:
Orchids
Orchidando
Orchidee in casa
A.L.A.O. (Associazione Lombarda Amatori Orchidee)
A.I.O. (Associazione Italiana Orchidologia)

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

35 risposte a “Le orchidee del supermercato? Sorpresa: sono un ottimo acquisto!

  1. Io ho la casa piena di orchidee, sono le mie bambine … ma non le concimo con un concime giusto e le bagno una volta settimana ma non per immersione, ho trovato la quantità giusta di acqua. E loro sono sempre in fiore, ah, che soddisfazione.

  2. Ne ho comperate una decina ma dopo la fioritura,tempo 2,3 mesi le radici marciscono. Sono in casa con molta luce,a ridosso della finestra. Insisto ma sono demoralizzata. Ho cambiato substrato,ma fanno fatica a riprendersi. Di fiori non ne parliamo…. molte volte gli esemplari comperati,una volta a casa, perdono i boccioli + piccoli. AIUTO

  3. Genny, ma come le bagni? Perché il marciume in genere è una conseguenza di eccessi o ristagni d’acqua. Mi fai pensare che annaffi come si fa con tutte le piante, non per immersione, come suggerisco nell’articolo. Può essere?
    La perdita di boccioli è uno scotto che si paga per il cambiamento di condizioni di luce ecc. (dal negozio a casa), ma in genere a seccare sono quelli più piccoli, gli altri si sviluppano normalmente e poi la pianta, una volta adattata, rifarà il suo stelo floreale senza perdere fiori. Fammi sapere come procede!
    Ciao 🙂

  4. Pingback: Orchidee in inverno: fiori in arrivo!

  5. ho una ventina di orchidee per casa.comprate al supermercato,finita la fioritura mi è venuta la felice idea di metterle insieme in 3 contenitore di plastica forata per via dell acqua e del ristagno, ho messo il terriccio speciale per orchide ho messo il concime specifico , ma aime stanno perdendo tutte le foglie , che fare’ li butto e mi do pace?

  6. salve io ho ricevuto una phal. il 5 del mese corrente dopo pochi gg si sono ingiallite e diventate molli 2 foglie, ho chiesto al fioraio e mi ha detto di toglierle e cospargere la ferita con cannella in polvere che faccio???
    Aiuto nn Voglio perderla.
    ps. credete siamo meglio rinvasarla?le radici nn si vedo molto…!

    • Ciao Paola,
      le foglie che descrivi come “molli” sono ancora verdi o si sono ingiallite seccando?
      L’orchidea in che vaso si trova?
      Se mi dai qualche dettaglio in più, posso aiutarti meglio 🙂

  7. ciao,

    dopo oltre due mesi in cui è fiorita benissimo (e bellissima) la mia orchidea sembra volermi abbandonare 🙁
    uno dei due steli ha completamente perso i fiori, sta ingiallendo e si sta rinsecchendo. l’altro temo stia per fare la stessa fine, i fiori a poco poco appassiscono…
    cosa succede? posso fare ancora qualcosa?

    grazie mille,
    simona

    • Ciao Simona,
      è normale che la tua orchidea ad un certo punto sfiorisca: non è un motivo di allarme.
      Altra storia è se le foglie cominciano ad ingiallire o mostrano segni di sofferenza: in quel caso significa che la pianta non sta bene e devi intervenire. Se dunque il problema sono solo i fiori, don’t panic: una volta che si saranno tutti seccati, potrai tagliare lo stelo alla sua base (senza ferire però il “fusto” centrale della pianta) e continuare a coltivarla come hai sempre fatto (annaffiature ridotte ad una volta ogni due settimane in inverno). Fra qualche mese la pianta darà vita ad un nuovo stelo e fiorirà di nuovo.

  8. Ciao,
    ho comprato una phal 3 settimane fa. le radici stavano uscendo fuori dal vaso e così ho rinvasato l’orchidea in un vaso più grande (con dei fori sotto) senza però toccare le radici e il brek e mettendoli in un po’ di terriccio comune. La mia domanda è questa: sbaglio a mettere l’orchidea in un terriccio comune? Io innaffio la pianta con uno spruzzino perciò non c’è la possibilità che si ristagni molta acqua.
    Le foglie sono molto verdi, ma dei fiori si stanno ‘chiudendo’, 2 son appassiti. E’ normale?
    poi quando innaffio ( una volta a settimana) spruzzo un po’ d’acqua sui fiori, sulle foglie e sul terreno. Va bene?
    Grazie anticipatamente,
    Anna

    • Ciao Anna,
      le orchidee vanno rinvasate solo quando le radici escono dai buchi sul fondo del vaso. In ogni caso il rinvaso va sempre fatto usando il substrato corretto (bark, ovvero corteccia, e affini): le phal infatti in natura vivono sugli alberi, senza affondare le radici nel terriccio ma godendo solo di occasionali depositi vegetali e animali. Il terriccio dunque andrebbe proprio evitato perché comunque aumenta il rischio di cattiva ossigenazione e marciumi.

      Gli steli fioriti delle phal in genere durano circa un mese e mezzo, anche due, ma poi sfioriscono: stacca i fiori secchi e decidi tu se tagliare lo stelo o meno. La pianta ne creerà una nuovo quando avrà le energie necessarie oppure procederà su quello vecchio allungandolo oppure entrambe le cose 😉

      Per le annaffiature, nebulizza pure radici, foglie e corteccia, ma non bagnare mai né boccioli né fiori: l’unico effetto è accelerare il loro invecchiamento.

      Ciao!

  9. Ciao Daniela
    agli inizi di questa primavera ho acquistato una Vanda in vaso grosso di vetro (quelle che van tanto di moda adesso),le istruzioni del fiorista son state queste….molta luce,immergere le radici una volta a settimana in un secchio d’acqua e una lacrima di concime ogni tanto.
    Così facendo dopo solo un mese i fiori eran già caduti tutti,io son convintissima che tenerla nel vaso vuol dire farla soffrire,quindi quest’estate l’ho tenuta appesa fuori casa sotto il portico e adesso è appesa al bastone della tenda in bagno attaccata alla finestra,perciò moltissima luce.Ho comperato anche del guano naturale da aggiungere all’acqua ma per ora non c’è stata più fioritura e le foglie in basso vanno in giù,ci sono anche parecchie radici secche,credo sia dipeso dal fatto che quest’estate probabilmente avrei dovuto nebulizzarle ogni giorno ma la fiorista non me l’ha detto.Cosa devo fare per forzare la fioritura? Grazie

  10. Un mese fa mi hanno regalato una orchidaceae dendrobium. Ha fatto una bella fioritura e mi sembra che il tronco stia crescendo ma due fiori si sono seccati? Cosa devo fare?
    Grazie per i consigli

    • Elena,
      che i fiori si secchino una volta finito il loro ciclo è normale: per quanto durino parecchio, seccheranno tutti man mano e la pianta riprenderà a crescere nuovi fusti per poter rifiorire l’anno prossimo in maniera ancora più abbondante!

  11. quando compro le orchidee hanno sempre o quasi 2 steli di fiore l’anno dopo ne fanno 1 e con pochi fiori dove sbaglio? sono già ad 8.grazie x la risposta

    • Ciao Carmela,
      probabilmente manca del nutrimento alle tue orchidee: quelle in commercio infatti sono ampiamente fertilizzate e messe in condizioni ottimali per dare quei risultati. Lo puoi fare anche tu usando regolarmente del buon concime liquido per orchidee: i risultati non si faranno attendere 😉

  12. Ne ho appena comprata una al super e cercando nel web consigli per trattarla al meglio sono giunta qui. Spero di riuscire, dopo aver letto tutti i tuoi consigli utilissimi, ad avere grandi soddisfazioni.
    Un caro saluto.
    Germana

  13. ciao,il 5 gennaio mi hanno regalato una phaleonopsis con due steli a dir poco stupenda. L’ho posizionata in cucina quasi vicino i fornelli dove di fronte c’è una finestra schermata da una tenda… l’unica cosa che ho fatto dopo una settimana mettere un pò di acqua nel sottovaso, poi sgocciolarla per bene e rimetterla dov’era…da qualche giorno però le prime due foglie sotto sono ingiallite, molli e appassite(premetto che queste due erano già un pò macchiate quando me l’hanno portata). Da ieri ha perso anche le altre foglie che ancora erano verdi, ma avevano la base inzuppata di acqua… l’unica cosa che è rimasta adesso sono gli steli con i fiori ancora bellissimi… non so che altro fare non riesco a coltivare questa bellissima pianta, questa è la seconda volta che ci provo! sapete aiutarmi?

    • Ciao Antonia,
      due cose del tuo messaggio mi perplimono e le condivido subito con te: quel “vicino ai fornelli” che mi fa pensare ad un calore eccessivo troppo vicino alla pianta; e “la base inzuppata d’acqua”. Purtroppo come sai, le phal non sopportano eccessi o ristagni d’acqua: è la prima “causa di morte” nella coltivazione domestica. Se poi ha già perso tutte le foglie e sono rimasti integri solo gli steli, la pianta non avrà più modo di nutrirsi (sono le foglie a farlo), quindi non potrà sopravvivere… Ti consiglio a questo punto di riprovare, facendo una enorme attenzione a come e quanto bagni la tua prossima phal: non ti scoraggiare, non è complicato ma neanche immediato, bisogna solo farsi un po’ l’occhio. Tieni monitorate le radici, faranno da bandierina: se sono verdi non c’è bisogno d’acqua, se color perla, si può bagnare 😉 Segui le indicazioni nell’articolo per il “bagnetto” e vedrai che otterrai magnifiche piante e fioriture!

  14. La mia orchidea stava quasi per fiorire ma…. una mattina ho visto la caduta di tutte le foglie e i boccioli gialli mentre lo stelo si comincia ad arrossire alla base,Le radici sembrano verde intenso Mi devo rassegnarmi di averla persa?

    • Ciao Orazio, come del resto era previsto dopo la tua descrizione dello stato della pianta. Le radici così verdi denunciano un eccesso d’acqua. Ritenta con un’ altra orchidea, facendo molta attenzione a come e quanto la bagnerai 😉

  15. Sono sempre Orazio.Non mi sono spiegato bene questa ultima mi riferivo ad un’altra pianta,questa sta bene in salute solo che presenta queste complicazioni.Saluti Orazio

  16. Buon giorno Daniela Voglio sapere a riguardo della pianta di orchidea in mio possesso come devo comportarmi per non sbagliare.La mia pianta ha due steli uno dei quali e piena di piccoli boccioli. L’altro stelo a metà altezza ha una nuova piantina con tre foglioline e una radice ed un piccolo stelo al centro,
    alla fine ce ancora un’altra piantina con due foglioline e senza radici, un pochino sotto sta uscendo un piccolo stelo. Come devo comportarmi? Se metto in vaso quella con la radice perdo sia la piantina piccola e sia il piccolo stelo Mi dai un consiglio? Saluti e infiniti ringraziamenti Orazio

    • Ciao Orazio,
      se i keiki, ovvero le piccole nuove orchidee che crescono sullo stelo della “mamma”, stanno già producendo uno stelo da fiore, non le toccherei. Il momento per loro è molto delicato e servono tutte le energie che hanno per portare a termine la prima fioritura. Terminata questa, visto che saranno già dotate di 2 o 3 radici, potrai procedere a separarle dalla madre e invasarle in autonomia tenendo alta l’umidità ambientale soprattutto nelle prime settimane.
      🙂

  17. Ho comprato a un supermercato una pianta di orchidea con fiori bianchi bellissimi ,gentilmente voglio un consiglio, se posso togliere la carta trasparente che la avvolge, e quale cure immediate devo tenere,la informo che appena comprata ho immersa per 1/4 dora in acqua,sistemata nel soggiorno,con molta luce.Saluto cordialmente .Orazio.

    • La carta trasparente toglila prima possibile. Direi che per il resto va benissimo così, ora che l’hai bagnata eliminando poi tutta l’acqua, puoi metterla in un coprivaso e lasciare che si ambienti con calma. La bagnerai nuovamente tra una settimana. Goditela!

  18. Salve, sono totalmente inesperta…il mio fidanzato mi ha appena regalato un’orchidea viola (come si chiama) ad uno stelo..non sapendo ho bagnato il terreni come se fosse una pianta normale ma l’acqua è uscita dsai fori ed ho svuotato il sottovaso…mi sono salvata in corner? Inoltre ci soni 2 radici che escono dal terreno (dalla parte superiore del vaso) e sono spezzate a metà, che faccio? Taglio? Grazie in anticipo

    • Ciao Maria!
      Non preoccuparti, vedrai che la tua orchidea crescerà a meraviglia se osserverai un paio di semplici accorgimenti: prima di tutto, tienila in una posizione esposta alla luce filtrata, mai direttamente al sole, e poi segui le indicazioni dell’articolo per quanto riguarda l’acqua. Come ti sarai accorta infatti le orchidee si bagnano in modo diverso dalle piante classiche perché crescono in un composto speciale fatto di corteccia, non nel terriccio. Le radici quindi hanno bisogno di ossigeno e dopo bagnate, devono asciugarsi in fretta per rimanere sane. Per quanto riguarda le radici spezzate, ti consiglio di tagliarle solo se ne vedi la punta terminale e se sono secche e cave, dunque non più vitali. Se invece cambiano colore e diventano verdi quando le bagni, sono ancora vive!

  19. Ciao Daniela ..io sono all’ennesima orchidea …ne ho una regalata a gennaio ..strano ma vero sta durando ..ho tagliato i 2 steli perchè ormai i fiori li aveva persi e si erano seccati ..e sorpresa mi ha fatto una foglia nuova.( quando rifiorirà?).mentre una che ho acquistato un mese fa circa uno stelo si è seccato..ha perso tutte le foglie dopo essersi ingiallite, le è rimasto uno stelo con alcuni fiori..ma vedo che si sta seccando anche questo riuscirò a salvarla??premetto che seguo il consiglio dell’innaffiatura ogni 2 settimane e sono in ufficio con una bella luce ,,ma non sole diretto.. grazie 1000

    • Ciao Cinzia,
      per l’orchidea che ha perso tutte le foglie temo non ci sia nulla da fare: è nelle foglie che le orchidee immagazzinano le risorse nutritive e fanno la fotosintesi. Senza quelle, non possono sopravvivere. L’orchidea che ha fatto una foglia nuova invece promette bene: quando si sentirà in forze produrrà uno stelo, magari anche a breve, visto che questo è il momento adatto a causa dello sbalzo di temperatura. Ora presta molta attenzione alle bagnature, evitando che l’acqua rimanga nel sottovaso! In bocca al lupo! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *