Le piante per il caldo: il plumbago o “geranio azzurro”

Quando pensiamo ai gerani, i colori che ci vengono in mente sono quelli che vanno dal bianco al rosa al rosso al lilla. E di fatto è quella la gamma di colori dei pelargoni, ovvero i classici gerani da balcone. C’è però una pianta che pur non appartenendo alla famiglia dei gerani, produce fiori molto simili e di un fresco azzurro puro. Si tratta del plumbago (plumbago capensis o plumbago auriculata), una pianta di origine africana dalla lunghissima e raffinata fioritura che crea un arbusto che, nel giro di poco tempo cresce molto, diventando di dimensioni considerevoli. Questo avviene però solo nei climi che ama, quelli miti anche d’inverno.

Il plumbago può svilupparsi come un rampicante, soprattutto se piantato in piena terra e coprire grigliati, ma va legato perché non si avvolge ai sostegni. Potete anche utilizzarlo, con effetti molto scenografici, come ricadente, per esempio da una massicciata o un muretto. Non avendo grandi esigenze idriche (in piena terra), è ideale per posti molto soleggiati e drenati. Se abitate dove gli inverni sono miti, potete anche coltivarlo in un ampio vaso di terracotta, dove prenderà un libero portamento a fontana veramente d’effetto. Se poi avete una preferenza per un azzurro più intenso, c’è una varietà molto ricercata che ha questa caratteristica: il plumbago ‘Royal Cape’. Se invece preferite il bianco, c’è la varietà ‘Alba’.

Al nord del Belpaese questa splendida pianta di cui è facile innamorarsi soffre il gelo 🙁 E’ possibile comunque tentare di farle superare gli ardui inverni padani, se abbiamo un balcone o un terrazzo riparato dai venti freddi o un giardino con dei muri di protezione ma ve lo dico: armatevi di santa pazienza. Se vogliamo cimentarci, a primavera taglieremo tutti i rami secchi lasciandone al massimo un terzo e aspetteremo con fiducia. Ci vorrà infatti parecchio tempo prima che la pianta si risvegli, spesso fino a maggio inoltrato non vedremo granché: se però spunteranno delle belle foglie verdi vorrà dire che la pianta ce l’ha fatta. Comincerà a produrre fiori da luglio fino ai primi geli. Ricordatevi di concimarla, sarà un modo per aiutarla a rinforzarsi. Casomai la perdeste, considerate che si risemina molto facilmente.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

9 risposte a “Le piante per il caldo: il plumbago o “geranio azzurro”

  1. Pingback: Le piante per il caldo: il “geranio azzurro”

  2. Vivo in Canada
    La prossima primavera vorrei piantare il Geranio azzurro nei vasi ,qui l’inverno e rigido e possibile entrare dentro le piante nel periodo invernale. La ringrazio aspettando una vostra risposta.

    Cordialmente Nella.

  3. ho comperato questa pianta.però consiste indue rami lunghi attaccati a due bastoni.adesso i fiori sono appassiti e non so se devo potarla perchè produca altri rami-

  4. Ho comprato una vaso di plumbago, bellissimo, ma devo rinvasarlo. Chiedo se è meglio il vaso rotondo grande oppure una vaschetta piuttosto grande.
    Grazie

    • Ciao Gabriella,
      se gliene dai la possibilità, nella condizione climatica ideale – ovvero dove gli inverni sono miti – la tua plumbago può diventare molto grande con gli anni. Quindi il mio suggerimento è… non lesinare sulla capienza del vaso 😉

  5. Buongiorno 🙂
    Ho fatto una talea, in primavera…ha fatto il primo fiore: bianco rosato…qualcuno sa da cosa può dipendere?
    Andrò a rivedere la pianta madre, ma lo scorso anno aveva solo fiori azzurro intenso …
    Spero abbiate consigli da darmi.
    Grazie in anticipo e buon fine settimana a tutti

    • Ciao Sestilia,
      può essere che nel vaso dì’origine ci fossero 2 piantine, una della varietà azzurra e l’altra a fiore bianco. A volte vengono vendute accoppiate.
      In quel caso potresti aver fatto la talea di quello bianco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *