Spugne vegetali fai-da-te

In pieno trend ecologico, molti di noi stanno scoprendo tante soluzioni per creare e produrre oggetti che normalmente siamo abituati a comprare al supermercato. Un’esperienza simpatica può essere quella di fare in casa le nostre spugne da bagno, coltivando durante i mesi caldi un tipo di zucca, la luffa cylindrica (o  luffah o loofah), originaria dell’Africa. Crearle è semplice, facile e il prodotto è del tutto naturale. Curiosi? Ecco come fare!

La luffa è utilizzata da molti anni nei paesi tropicali, dove è stata esportata molti anni fa, come in Brasile (“bucha vegetal”). I semi si possono trovare direttamente online in Rete. In Italia possiamo seminarli a inizio primavera, nel mese di marzo, affinché la pianta abbia il tempo di completare il suo ciclo produttivo: fiorisce da giugno ad agosto e si raccoglie da settembre in poi, compatibilmente con il clima. I semi daranno vita ad un rampicante di crescita veloce e vigorosa dai bei fiori giallo vivo a campanella a cui seguiranno frutti simili a grossi cetrioli dalla polpa fibrosa. Lasciati sulla pianta i frutti giungeranno a piena maturazione: la buccia, all’inizio di un bel verde lucente, diventa scura e coriacea. A quel punto il frutto può essere raccolto.

Il procedimento è molto semplice. Si spella bene il frutto asportando totalmente la buccia (che può finire nel compostaggio) anche semplicemente con le mani, si asportano i semi grossi e neri e si lava l’interno con un forte getto d’acqua che elimini i residui di polpa. A questo punto si lascia seccare il frutto al sole fino a farlo essicare del tutto. Diventerà leggero ed elastico e il reticolo interno ne manterrà la forma e la morbidezza. A questo punto potrà essere utilizzato come spugna da doccia oppure per lavare i piatti. Le spugne di luffa, ipoallergeniche e biodegradabili, possono essere anche sagomate o lavorate per ottenere guanti per lo scrub ma la Rete è colma di suggerimenti affascinanti, che vanno dal saponi con luffa all’interno all’utilizzo della luffa come materiale per riempire cuscini o per creare ciabattine da bagno.

La luffa è in realtà al centro di molte ricerche per il suo sfruttamento. Elsa Zaldívar, una ragazza paraguayana, ha vinto il Premio Rolex 2008 per la sua invenzione: costruire le case con “muri” di luffa mischiata a plastica riciclata. Ne deriva un materiale assai robusto e leggero che può essere prodotto a basso costo e utilizzato nell’edilizia.

Altre informazioni in Rete:
L’articolo su Lerboristeria.com della Dott.ssa Multineddu
I semi acquistabili online: Ifioridelbene.com con un video molto ben fatto.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

10 risposte a “Spugne vegetali fai-da-te

  1. Pingback: Spugne vegetali fai-da-te

  2. Pingback: Produrre in casa spugne di luffa

  3. salve, ho piantato la zucca luffa la primavera scorsa e ad oggi mi ha fatto 7 zucche belle grosse, ora il problema sono le gelate invernali che sono iniziate già da qualche notte, sono ancora verdi ma il mio timore è che rischio di farle morire, come posso fare? se le raccogliessi così e le mettessi ad essiccare artificialmente? Mi date un consiglio? grazie C.

  4. Ciao Adi,
    facendo ricerche sulla luffa ho trovato il tuo post, anch’io vivo a trieste e volevo sapere se hai provato a coltivarla
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *