Disinfestazione contro le zanzare: sì o no?

In molti comuni italiani proprio in questi giorni sta partendo un nuovo cliclo di disinfestazioni per cercare di combattere il propagarsi delle odiate zanzare, tigre e non. In genere questo tipo di azione è la benvenuta da parte di noi cittadini, stufi di sacrificare cenette in terrazzo e passeggiate nel verde durante l’estate. Ma molte volte si dimentica l’altro aspetto della disinfestazione effettuata con agenti chimici. E’ vero, gli insetticidi di ultima generazione sono molto più rispettosi dell’ambiente dei loro antenati ma molti dei preparati più usati sono estremamente velenosi per gli insetti utili. E proprio ora è il momento in cui sono più preziosi.

Gli insetti impollinatori come api e bombi fanno proprio adesso in giardino il lavoro più importante: in occasione delle fioriture autunnali, facilitando la fecondazione dei fiori, attivano la creazione dei semi, che serviranno alle piante per propagarsi. Soprattutto quelle annuali, che moriranno all’arrivo dei freddi intensi e si assicureranno, grazie a loro, future generazioni. Peraltro, noi appassionati potremo raccogliere molti di questi semi e così procurarci, in molti casi, delle piantine per la prossima bella stagione, senza spendere inutilmente soldi a primavera.

In genere i proprietari delle case non vengono informati sulle reali problematicità degli insetticidi usati. Si avverte semplicemente di tenere chiuse le finestre per alcune ore. Ma raramente li si avverte di quanto tempo occorre aspettare prima di consumare le foglie di basilico, rosmarino, maggiorana e menta che hanno sul balcone. Peggio ancora se si tratta di verdure e ortaggi in maturazione, come nel caso dell’ormai diffusa pratica dell’orto-balcone. E per chi ha un laghetto, uno stagno o una tinozza che ospita pesci, il pericolo è serio: dovendo eliminare le larve acquatiche delle zanzare, questi insetticidi diventano letali per gli organismi acquatici. Con il risultato di avere i vostri pesci rossi morti a galla nel giro di una notte… Proprio quei pesci che di larve di zanzare sono ghiottissimi!! Insomma, forse dovremmo fare più attenzione ai metodi che usiamo per difenderci dalle zanzare, provando a considerare altre strade, più rispettose dell’ambiente, considerato che le disinfestazioni attuali non assicurano il risultato che promettono.

La soluzione preferibile forse passa attraverso l’uso di agenti chimici sì ma selettivi, capaci di colpire solo e soltanto le zanzare o l’impiego di loro nemici naturali, come il Bacillus thuringiensis, da iniettare direttamente nelle acque dei tombini o la protezione da parte nostra dei loro predatori, che sono peraltro moltissimi in natura, dai pipistrelli (basta un posticino in alto all’ombra per dar loro asilo nel nostro giardino con una tana di legno) alle libellule.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

9 risposte a “Disinfestazione contro le zanzare: sì o no?

  1. ciò che viene detto in quest’articolo è corretto ma non completo, le aziende serie sanno come affrontare il problema delle zanzare evitando di intervenire sulle altre specie. il segreto è :
    le disinfestazioni si fanno o la mattina molto presto o la sera all’imbrunire!!! gli insetti impollinatori la mattina hanno ancora le ali umide per volare e sono riparati nei loro alveari, la sera al calare del sole gli stessi tornano negli alveari per “riposare”, se interviene in questo lasso di tempo si è sicuri di fare meno danni all’eco-sistema, se si vuole fare un articolo sulle disinfestazioni bisogna valutare tutti gli aspetti e non buttare a casaccio una serie di informazioni dette e ridette da tutti!!!!!!!! VALERIO DIS.ECO.

  2. Valerio, hai l’aria di saperla lunga, allora puoi rispondere a queste domande (?):
    * gli insetti impolllinatori non volano insieme alle zanzare e quindi si puo` irrorare tranquillamente prima dell’alba o all’imbrunire. Ma come fai a sapere che gli insetticici non li raggiungano nei loro alveari, quando l’irrorazione e` atomizzata proprio per raggiungere ogni anfratto e nascondiglio?
    * Chi ha l’orto avra` beneficio dai tuoi consigli, anche se` gli l’insetticidi si depositano sulla verdura (e li ci rimangono) indipendentemente da quando sono irrorati?
    Fammi sapere
    Marco

  3. Salve,
    Io sono un disinfestatore e ci confermo che la disinfestazione contro le zanzare va assulutamente fatta! E non parlo come categoria interessata, purtroppo le zanzare possono trasmettere malattie serie infettive.
    si devono fare almeno sei interventi tra marzo e ottobre di cui sei larvicida s adulticida per essere tranquilli.

    per chi fosse interessato, può visitare il sito disinfestazioni24.it ed informarsi sui potenziali malattie trasmesse dalle zanzare.

      • Si, la mia era solo un’esasperazione nei confronti delle zanzare. Ma assolutamente è evitare situazioni tuttofare senza ragione. Nei supermercati si trova di tutto per il fai da te, ma lasciato in mano a tutti il rischio di creare danni è elevato. Purtroppo gli insetticidi non tutti sanno che sono veleni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *