La pianta testimone di un delitto

Cercando materiale sulla Rete in merito all’affascinante argomento che ho trattato nel post a proposito di piante che parlano, mi è stato segnalato (grazie Raffaella!) che esiste addirittura una vecchissima fiction, “La traccia verde”, che la Rai trasmise in cui una pianta, una dracena in particolare, era l’unica testimone di un atroce delitto: molto curiosa la dettagliata scheda del film, che potete leggere su Vicolostretto.net L’idea tra l’altro prendeva spunto da una serie di esperimenti reali, che sono parte della storia dello studio della reazione delle piante agli stimoli esterni, fino al punto da teorizzare una sorta di emotività vegetale.

Lo sperimentatore in questione è un americano, Cleve Backster, che attaccò i sensori del poligrafo alle foglie di una dracena, classica pianta d’appartamento, notando delle variazioni elettriche che potevano indicare delle reazioni alla percezione di particolari eventi (l’avvicinamento di una persona, l’innaffiatura ecc.). La comunità scientifica non diede mai molto peso alla sua teoria della percezione vegetale, considerandola una speculazione fantasiosa e immaginifica. E’ possibile approfondire l’argomento, oltre che in Rete, con un libro che parla di questo e di molti altri studi che, in tutto il mondo, hanno affrontato il delicato argomento: si tratta di “La vita segreta delle piante” di Peter Tompkins e Christopher Bird.

Di sicuro un approccio di questo tipo affronta un’ardua questione: se si accertasse che le piante sono esseri dotati di emotività, sarebbe ben difficile continuare a considerarle degli oggetti e gestirle come un articolo di arredamento, come facciamo oggi… e naturalmente, come ai tempi del film, ci sarebbe un altro boom nella vendita delle dracene 😀

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “La pianta testimone di un delitto

  1. Dani io ho letto “La vita segreta piante” Attenborough David ed è un libro bellissimo e molto attinente a questo argomento.
    Quello che menzioni tu non l’ho ancora letto.
    ciao

  2. Ciao Scat!
    Curioso che ci siano due libri con lo stesso titolo: se ne saranno accorti, gli autori?!? 😀 Cercando qualche informazione in Rete sul libro di Attenborough però mi sembra di capire che il documentarista della BBC illustri da vicino le strategie di sopravvivenza delle piante che però sono argomento abbastanza noto. Invece il volume di Tompkins e Bird tratta in specifico gli esperimenti sull’emotività vegetale, tema ben più arduo 🙂

  3. Curioso che tu non conosca i celebri documentari di Attenborough, che hanno, come dire, fondato la cultura italiana di massa sull’ecologia (quella vera). Direi che sono un monumento alla scientificità e alla bellezza. Imperdibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *