La rivincita del crisantemo

Noi lo usiamo per i morti? E lui ha deciso che non gli sta più bene. Da qualche tempo si sta infilando nei bouquet delle spose… A dire il vero è da molto che lo fa, in incognito però: sotto forma di innocenti margherite bianche o rosa, per esempio. E se non nei bouquet, dove la concorrenza con rose e lisianthus è a dir poco ardua, eccolo apparire nelle decorazioni del ristorante o della chiesa. Robusto, duraturo e in migliaia di colori e forme (a ragno, a bottone, a giglio ecc.), il crisantemo non si fa pregare per dare il suo meglio.

D’altronde, nel resto del mondo lo sanno molto bene: altro che per i Morti, in Giappone il crisantemo è il fiore dell’imperatore perché la sua forma è quella del Sole (fiore nazionale del Sol Levante, appunto), espressione di pace e nobiltà, in Corea e soprattutto in Cina è coltivato e selezionato da millenni e regalato durante le feste come augurio di gioia e vita.

Anche da noi dunque il crisantemo comincia a sdoganarsi, anche grazie a continue nuove varietà che arrivano sul mercato italiano. Una per tutte? Chrysanthemum ‘Yoko Ono’, una deliziosa varietà con fiori a bottoncino verde lime che si accosta meravigliosamente con praticamente quasi tutti gli altri fiori, soprattutto se coinvolto in uno stile moderno e brillante o anche essenziale e rigoroso. Ma non è solo il reciso il suo punto forte.

Ricordiamoci che il crisantemo che compriamo per la nostra particolare festività che cadrà a giorni è una pianta perenne: questo significa che, potendo vivere molti anni di seguito, non merita la morte quando la sua fioritura finisce. Piantatelo invece in giardino o in un bel vaso fuori, bagnandolo appena e sempre meno fino a cessare del tutto quando arriva il gelo, che peraltro non teme affatto. Lentamente andrà a riposo, seccando una parte dei suoi fusti ma don’t panic. A primavera dalla base del terreno spunteranno nuovi getti, forti e pieni di foglie carnose. Al sole o mezz’ombra si rinforzerà sempre più per tutta la stagione calda, pronto a ricostruire un fitto cespuglio che vi ripagherà con una generosissima fioritura di cui potrete fare sfoggio il prossimo autunno!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “La rivincita del crisantemo

  1. Pingback: La rivincita del crisantemo

  2. Bellissimi…ho provato a cercarli x il terrazzo ma mi e’ stato risposto che non li avrei trovato essendo trascorsa la ricorrenza dei defunti. Potrei avere qualche suggerimento su dove acquistarli a Roma? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *