Alberi in Duomo: la Sovraintendenza dice sì

Il progetto proposto da Renzo Piano per utilizzare i novantamila alberi che Abbado ha richiesto come condizione per il suo ritorno a Milano piace al sovrintendente per i Beni Architettonici Alberto Artioli. Ma il “boschetto” non sarà più di fronte alla Cattedrale, come sembrava all’inizio.

Gli alberi, in questa nuova versione del progetto, verranno piantati dietro al Duomo, come un “muro verde”, occupando lo spazio di alcuni edifici che facevano parte dell’antico progetto della piazza ma che ora non esistono più. Di fronte alla cattedrale invece solo aiuole verdi, che incorniceranno la statua di Vittorio Emanuele. Gli alberi però creeranno comunque un viale alberato che, lungo via Orefici, via Dante e Piazza Cairoli, congiungerà il Duomo con il Castello Sforzesco e il Parco Sempione. Altre piante sono previste tra Piazza Oberdan, lungo Corso Buenos Aires fino a piazza Loreto. Anche Paolo Sarpi avrà i suoi alberi e la sua zona pedonale e poi le piazze di Gambara, De Angeli e Buonarroti. Intanto gli uffici tecnici di Palazzo Marino stanno facendo le opportune verifiche, volte a rendere il piano di piantumazione compatibile con cavi, condutture ed esigenze della grande città.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Alberi in Duomo: la Sovraintendenza dice sì

  1. la proposta sembra interessante….speriamo solo che le valutazioni siano fatte in maniera corretta e competente…venga controllato il materiale vegetale da mettere a dimora ( la SIA ha un programma e un gruppo di lavoro che si occupa di diffondere la cultura della qualità del materiale vegetale nei vivai)…che si ragioni con la “testa ” delle piante.pensando a rispettare i loro tempi ed esigenze ..e non si pensi a soddisfare solo esigenze scenografiche immediate…
    c’è l’EXPO nel 2015…non perdiamo questa occasione per fare bella figura…

  2. Pingback: Notizie dai blog su A milano spunteranno alberi in piazza duomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *