Prendiamoci cura della “Stella di Natale”

La “Stella di Natale” è un must assolutamente insostituibile durante le feste. Basta dare un’occhiata a questa pianta per sentirsi subito perfettamente intonati al festoso clima natalizio. Oltre alla classica versione a “fiori” (in realtà foglie!) rossi, il mercato poi da qualche anno sta sfornando varietà straordinarie di tutte le sfumature, bianche, rosa, crema o addirittura variegate. Insomma, ce n’è per tutti i gusti: sceglierla è un divertimento. Ma cosa fare poi della bella pianta che abbiamo in casa, finite le feste? Ecco qualche consiglio.

Molti non lo sanno ma la “Stella di Natale” (euphorbia o poinsettia pulcherrima) è un arbusto perenne che con il tempo può diventare un bellissimo albero di alcuni metri. E’ però riginario del Messico: questo è il motivo per cui nelle zone dove gela, come nel Nord Italia, deve essere riparata dentro casa durante la stagione invernale. Nelle nostre case innanzitutto la “Stella” va bagnata con moderazione ma a cadenza regolare: lasciarla a secco per molti giorni ne causerà un veloce decesso ed eccedere porterà al marciume delle radici. In genere annaffiarla una volta alla settimana è sufficiente, considerando che la pianta rivelerà subito la mancanza d’acqua abbassando il fogliame. Posizionatela in casa ben esposta alla luce ma lontana da caloriferi, sbalzi termici e correnti d’aria. Evitate queste cose e gli spostamenti, che determinano spesso la caduta in massa di tutte le foglie: non disperate, se vi prenderete cura di lei, le rimetterà una ad una. L’ideale è metterla vicino ad una finestra chiusa che non viene utilizzata. Occhio agli animali domestici, che spesso spaccano rami e fusti, fragili e piuttosto “croccanti”.

Quando le brattee colorate si esauriranno, cominceranno a seccarsi e cadere. Verranno però lentamente sostituite da belle foglie verdi: concimarla mensilmente la aiuterà a superare il periodo invernale. Quando le temperature all’esterno si fisseranno stabilmente sopra i 10-15°C, andrà potata di un terzo della lunghezza dei rami, rinvasata in terriccio per acidofile (quello per le azalee, per intenderci) con aggiunta di sabbia per favorire un buon drenaggio e collocata fuori, all’inizio in ombra e poi, abituandola gradatamente, al sole. La “Stella” riprenderà a produrre le sue belle brattee colorate, ma potrebbe farlo fuori tempo rispetto al Natale prossimo. Nei vivai infatti le Poinsettie vengono “forzate”, ovvero sottoposte a condizioni di coltivazione particolari, di solito con un lungo periodo di “buio”, per far coincidere la fioritura con le nostre feste natalizie. Coltivandola invece senza forzarla, la pianta riprenderà a seguire i suoi ritmi naturali.

A proposito del lattice:
come tutte le euphorbie (o anche il comune ficus benjamin), i fusti e i rami della Stella di Natale contengono un lattice bianco che può essere irritante a contatto con la pelle.

Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

37 risposte a “Prendiamoci cura della “Stella di Natale”

  1. Pingback: Prendiamoci cura della “Stella di Natale”

  2. La stella di natale non riprende il proprio colore da sola, é necessario sottoporla a ore di buio in periodi ben precisi, indipendentemente dalle festività.

  3. ho una stella di natale in giardino da circa tre anni , ha un bel tronco ed un diametro di circa un metro e mezzo, bellissima e sta facendo le foglie rosse proprio adesso

  4. Ciao! Grazie dei consigli. Ora però ho bisogno di aiuto: in pratica me l’hanno regalata per natale… e dopo 2 giorni ha già delle foglie marce e le foglie rosse un po’ cadenti…. non riesco mai a farle durare più di 2 mesi! Volevo sapere qual è il posto ideale per tenerle. HO sentito che le servono 11 ore di buio completo… quindi avrei optato per la cucina…. Poi una cosa: il vaso glielo lascio o la travaso in uno piu grosso?
    Grazie mille per le eventuali risposte…

  5. Foglie marce e le brattee cadenti… non è un buon segno: controlla che i fusti siano sodi e non molli alla base per capire se c’è stato un eccesso d’acqua, oppure se al contrario la pianta è secca toccando il terriccio. Attenzione: il buio serve per la produzione delle “foglie” rosse solo nel periodo pre-natalizio a partire da settembre-ottobre, non è una condizione “fissa” a cui sottoporre la pianta, che invece è golosa di luce nel resto dell’anno. Il travaso di solito si fa a primavera, momento in cui la pianta riprende a vegetare. Nel caso in cui però la tua stella di Natale sia in un vasetto piccolissimo, allora puoi rinvasare in un vaso di qualche cm più grosso – con il terriccio indicato nell’articolo – lasciando integra la zolla. Facci sapere se vuoi! 🙂

  6. Grazie mille! Mica per altro, perchè me l’ha regalata la mia fidanzata e vorrei farla durare almeno fino alla befana! Hahaha!
    Comunque ho sentito il terriccio ed è umidiccio… quindi direi di aspettare ancora molto prima di dare da bere… (PS: quanto gliene va dato?)
    Comunque il fusto è… diciamo, normale. Nè troppo secco nè troppo molle… però ora le foglie sono “passe” diciamo… Non credo abbiano sete…

  7. Ciao Alessandro,
    però il punto è che la pianta non sta bene, giusto? Le foglie non dovrebbero essere affatto “passe”, questo è il punto. Quindi c’è qualcosa che non va. Per la posizione? E’ lontana dai caloriferi o dalle correnti d’aria?
    L’acqua che gli dai deve fuoriuscire dal sottovaso e rendere morbida e umida la superficie del terriccio. Dopo qualche minuto puoi togliere l’acqua in eccesso nel sottovaso.

  8. Ciao!
    Dunque, la posizione è giusta… lontano da caloriferi e correnti d’aria… e il terriccio rimane costantemente umido…. è da 3 giorni che non le do da bere….
    Secondo me è stata trapiantata da qualche coltura… e non ha attaccato bene nel vaso…
    Comunque grazie mille per le risposte Daniela!!

  9. difficile a Roma la coltivazione in giardino della “stella di Natale ” mentre a Gaeta ne ho viste di bellissime ed enormi senza particolari cure

  10. Ciao a tutti ,ho letto da qualche parte che per moltplicare la Stella di Natale,(alla perdita delle foglie rosse e verdi),vanno tagliati i rametti a dieci centimetri circa da terreno,messe in un vaso con poca acqua,aspettare che mettano radici,poi piantarle :è vero a chi risulta questo ,sarebbe interessante provare|giampy

  11. Salve, io non sto capendo niente, chi dice una cosa, chi l’altra….vedo gente che mette le stelle sul alcone o sulla finestra e stanno bene….altri che le tengono in casa con lo stesso risultato….boh, ma una manuale unico che vada bene per tutti non c’è?

  12. Lorella, il giardinaggio è un’attività complessa, in cui tutti i singoli fattori (temperatura, esposizione, acqua, concime ecc.) hanno influenza: a seconda di come vengono gestiti, cambia la reazione della pianta che, essendo essere vivente, non sempre è certa e prevedibile. Però alcuni punti fermi ci sono e spesso è utile guardare a come la pianta vive in natura. Da lì possiamo capire meglio come prendercene cura.
    Daniela 🙂

  13. la mia piccola stella di natale si è fatta grande ed è bellissima. Non mi era mai successo!!!! Ora siamo quasi ad agosto ed il suo vaso è diventato piccolo per lei. Cosa devo fare?

    • Lucia, complimentissimi!
      Allora, se la tua Stella ha radici che escono dal fondo del vaso è ora di regalarle un vaso nuovo un po’ più grande. L’ideale è usare un vaso di una o due misure più grande, di plastica, e procedere all’operazione in una giornata un po’ fresca. Se puoi, non toccare la zolla della pianta, così da disturbarla il meno possibile. In bocca al lupo 😉

  14. ciao a me l’hanno regalata adesso che siamo a settembre e vorrei travasarla e mi chiedevo se il vaso debba essere quello con i fori e piattino annesso (bruttissimi) o se vanno bene i miei bellissimi vasi in ceramica colorati.grazie

  15. la mia pianta abbandonata da qualche condomino in giardino e addottata ad agosto, è cresciuta con tantissime foglie verdi, ma ne vorrei qualcuna di rossa…. vedo soltanto foglie e rami, nessuna altra formazione.
    da due giorni ll’ho messa dentro ad un armadio socchiuso..le sto facendo del male?

  16. Ciao Daniela buongiorno. La mia compagna proprio da questa mattina mi stava chiedendo di vedere qualcosa x il trattamento e la cura della stella di Natale. Ovviamente su internet ci sono diversi commenti con più o meno gli stessi modi di coltivazione; ma non c’è qualcosa di più specifico x quello che si debba fare nel periodo del mese di aprile. Ne abbiamo acquistata una poco prima delle feste natalizie e tutt’ora è ancora in fiore, anche se da qualche giorno ha iniziato a perdere le sue foglie: prima quelle verdi ed ora iniziano a cadere quelle rosse.
    Noi l’abbiamo posizionata in sala lontana da fonti di calore e lontana dalla luce diretta, proprio questa mattina mi stava chiedendo appunto che cosa bisognava fare nel mese di aprile e se bisognava fare la potatura come scritto in molte parti, potrebbe darmi qualche indicazione più specifica dicendomi esattamente quello che devo fare: se potarla e se metterla completamente al buio dalle 17 alle 7 e se devo metterla in un altro vaso? Te ne sarei molto grato se potessi rispondermi a queste mie semplici domande. Io e la mia compagna non siamo molto esperti di fiori, ma ci siamo affezionati molto a questa stella di Natale, perché ci sta facendo compagnia dal mese di dicembre. Ciao e spero di leggere presto la tua risposta.

  17. ciao Daniela, sono sempre luigi. ogni giorno vedo se hai risposto alla mia richiesta di aiuto per la cura della stella di natale. Proprio oggi che siamo arrivati al 5 di maggio, alla mia stella sono rimaste solo le foglie rosse e credimi se ti dico che non so ancora cosa fare se potarla o no. Ho letto molte pagine di internet e bene male dicono quasi tutte le stesse cose, anche se poi non vanno a specificare quelle che si deve fare esattamente in questo periodo. Io spero molto di leggere presto una tua risposta a quello che è già stato il mio primo quesito fatto ad aprile. In attesa non mi rimane altro che lasciarti i miei cordiali saluti.

  18. Salve a me sta durando da natale scoro senza particolari cure solo innaffiata e qualche ramo secco reciso..solo che mette solo foglie verdi non vedi boccioli!! Vorrei la stella! Si può fare qualcosa?

  19. Buongiorno, ho una stella di Natale dall’anno scorso, in questi ultimi giorni ho lasciato la pianta due giorni con acqua stagnante.
    Ora le goglie sono cadenti, ho cambiato parte della terra e il vaso.
    Ho buone probabilità di salvarla, posso fare ancora qualcosa ?
    Grazie

    • Ciao Elisabetta,
      l’importante è che la base del fusto non sia marcita: te ne accorgi se è marroncina e se cede al tatto. In quel caso la pianta è persa. Se invece è tutto tonico e verde, allora tienila asciutta: dovrebbe riprendersi.

  20. I miei hanno una casa in Sicilia con una ex stellina di Natale piantata sotto un ulivo è alta almeno 1mt è il cespuglio 50cm considerando che vanno giù solo d’estate è un miracolo della natura

  21. BUONGIORNO, MI CHIAMO RITA.PRIMA DI NATALE HO ACQUISTATO UNA STELLA DI NATALE.L’HO POSIZIONATA I N SALA LONTANO DA CALORIFERI E FONNTI DI CALORE MA DA QUALCHE TEMPO A QUESTA PARTE HO NOTATO CHE LA PIANTA L’HO ANNAFFIATA TROPPO E ADESSO I RAMI SI STANNO SECCANDO E SONO DIVENTATI MOLLI MA NON SONO MARCI.CHE COSA DEVO FARE PER SALVARLA VISTO CHE I RAMI SONO ANCORA ALCONI META’ VERDI ALTRI MARRONI?GRAZIE DEI CONSIGLI.

    • Ciao Rita,
      il punto fondamentale è capire se la pianta è stata attaccata dal marciume a causa dell’eccesso idrico. Che i rami siano molli non è buon segno: dovrebbero essere turgidi, anche se la pianta in questo momento dell’anno non è molto attiva. Se mettendo il naso vicino al colletto della pianta non senti nessun odore di marcio, allora c’è speranza 😉 Taglia tutto il secco con attenzione, salvando le parti verdi e fai in modo che la terra della pianta si asciughi bene, poi ricomincia a bagnarla con molta parsimonia. Se comincerà a rimettere piccole foglioline lungo i rami, è fatta!

  22. Ieri a causa del temporale ma mia stella di natale è caduta e alcuni rami si sono spezzati!!!!! posso creare altre piante da questi rami oppure devo gettarli??
    grazie

    • Ciao Daniela,
      non è il periodo ideale per fare talee dalla Stella di Natale, ma puoi sempre provare.
      Basta che i rametti caduti abbiano almeno 3 o 4 foglie.
      Usa vasetti pieni di torba e sabbia e tienile molto idratate (puoi usare una bottiglia con cui coprirle) finché non faranno radici.

  23. Dina : è dal mese di ottobre che che la ritiro alle 17 la copro con un sacco nero fino la mattina : adesso vedo delle piccoline foglie rosee , poi vedo sempre per terra delle foglie verdi ma nelle punta sono nere per me forse ha sofferto troppa acqua ero partita per qualche giorno può essere la causa? Chi mi aiuta?grazie

    • Ciao Enza, non è il periodo migliore ma puoi se usi qualche attenzione: fallo in una giornata fresca, usa un vaso di poco più grande, e quando svasi la pianta, non toccare la sua zolla. Collocala nel nuovo vaso così com’è e nella stessa posizione di prima. In questo modo la pianta non subirà traumi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *