Sanseveria, da pianta della nonna a oggetto di design

E’ un classico da molti molti anni: in casa prima o poi tutti hanno avuto una sanseveria. Forse l’abbiamo comprata noi ma più spesso ce l’aveva la mamma oppure la nonna e non ci ricordiamo più neanche quando e come è arrivata in casa. Ma il classico che non stanca da qualche tempo si è rinnovato: la sanseveria si è trasformata, da pianta “della nonna”, a feticcio vegetale iper-moderno, anzi di più, da giardino giapponese, quasi zen… Tutto grazie ad un piccolo ritocco estetico che l’ha resa “scultura vivente”. Le foglie hanno cambiato forma: non più larghe e carnose ma acuminate e cilindriche, dritte come fusi. Per un look avvenieristico perfetto per un appartamento all’ultima moda.

Leggendaria per la sua robustezza, la più diffusa nelle nostre case era la sanseveria trifasciata dalle coriacee foglie marmorizzate bordate di giallo. Ma ora per lei non c’è più posto. Tutti vogliono, tutti chiedono la novità delle novità: sanseveria cylindrica. Pianta di pochissime pretese dalla crescita lenta, come le classiche “grasse” chiede pochissimo in cambio del suo alto potere decorativo: si adatta infatti perfettamente alle condizioni dei nostri appartamenti durante l’inverno, con aria secca e, spesso, poca luce. Certo, lei gradirebbe qualche raggio di sole, ma si accontenta anche di un angolo non molto luminoso in un vaso stretto. Poca acqua e terriccio ben drenato (con l’aggiunta magari di un pò di sabbia) le bastano per assicurarsi (in casa nelle zone fredde) una vita lunga e prosperosa: se poi le regalate un bel soggiorno-premio fuori durante i mesi caldi, abituandola gradatamente fino ad esporla al sole pieno, ve ne sarà grata!

Intanto però potrete divertirvi a vestirla in tono con la vostra casa, nei modi più vari: vasi alti e stretti, dritti ma anche curvi, opachi o ancora meglio, lucidi dai colori vivaci o fioriere modernissime con sassolini di vetro o sabbia nera e fina che ricoprono il terreno, tutto si adatta alla perfezione al suo elegante fogliame verde medio. Scegliete poi la varietà che più vi intriga, tra quelle che si trovano nei garden: un esempio? Sanseveria cylindrica Braid, con le punte intrecciate o sanseveria cylindrica ‘Skyline’, dalle punte incurvate, a ricordare grattaceli ultramoderni che svettano contro i cieli azzurri delle città americane.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

11 risposte a “Sanseveria, da pianta della nonna a oggetto di design

  1. Pingback: Sanseveria: da “pianta della nonna” a oggetto di design

  2. Pingback: Le piante più vendute in Italia: la Sanseveria

  3. Pingback: Easy Tips on How to Care for Your Plants | Taplins Gardens

  4. ciao Daniela,vorrei sapere se è possibile coltivare la sanseveria cilindrica in idrocoltura……l’ho vista in un negozio e vorrei provare a coltivarla così ,mi dai qualche consiglio please?

    • Ciao Claudia,
      ti dirò, a naso mi sembra un filo azzardato perché di suo, come saprai, la sanseveria ama pochissimo l’umidità!
      Quindi probabilmente, se vuoi provare, dovrai tenerti molto molto parca con il livello dell’acqua e i rabbocchi.
      Facci sapere 😉

    • Ciao Flavia,
      se la tua skyline ha prodotto una nuova foglia, significa che sta bene e si sta sviluppano in modo sano e corretto. Perché vuoi tagliarla?
      Sarebbe un po’ come tagliare i piedi a qualcuno per tenerlo basso… 😉
      Piuttosto valuta di darle un vaso di una misura più grande quando diventerà troppo stretta nel suo!

  5. Ho acquistato una Sanseviera e l’ho messa nella mia camera da letto, in quanto ho saputo che, oltre ad essere una pianta” spazzina”, durante la notte cede ossigeno all’aria. Giusto?????
    Grazie
    Elvira

  6. Mi hanno regalato una sanseveria cilindrica con le punte colorate bellissima, non avevo mai visto le punte con le punte di tutti i colori, penso si debba trattare come le altre normalmente, come hanno potuto trattarle in questo modo, sicuramente originale, grazie ciao

    • Ciao Antonia,
      la sanseveria a cui ti riferisci è stata dipinta artificialmente con una pittura che simula il velluto. La “vernice” durerà a lungo considerata la lentezza di crescita della pianta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *