La metropolitana di Milano si muove anche con il solare

Una riduzione delle emissioni inquinanti di circa 70 mila chilogrammi di CO2 grazie all’energia solare. E’ questo il risultato più rilevante, in ottica ambientale, della prima linea metropolitana parzialmente alimentata da energia fotovoltaica, in Italia e in Europa. Le carozze del metrò mosse dal sole sono quelle della Linea 1 di Milano, che sfrutta l’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici installati sul tetto del deposito Atm di Precotto, nella zona nord orientale della metropoli.

L’impianto è in grado di produrre 1,4 milioni di kilowattora l’anno e si estende per 23 mila metri quadrati – circa quattro campi da calcio – ed è sostenuto interamente mediante un ‘finanziamento tramite terzi’ senza costi per la cittadinanza.

Nel dettaglio, Atm – attraverso una gara – ha dato in concessione all’azienda vincitrice, Dedalo Esco, l’utilizzo del tetto del deposito di Precotto per realizzare l’impianto fotovoltaico: messo a punto l’impianto interamente a proprie spese, la società corrisponde ad Atm un canone per l’affitto del tetto ripagandosi dell’investimento tramite il conto energia.

”L’avvio dell’attività del tetto fotovoltaico del deposito di Precotto – ha spiegato il presidente e AD di Atm, Elio Catania – è un tassello importante del piano d’efficienza energetica messo a punto dal 2008. Il progetto – ha concluso – porterà ad un risparmio medio di 14 milioni di kWh/anno di energia elettrica tra il 2007 e il 2010”.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

9 risposte a “La metropolitana di Milano si muove anche con il solare

  1. A mio avviso,dovrebbe essere imposto dal governo,cosi potrebbe vedere chi realmente è contro il nucleare.Al sud in particolare,cosi la comunità risparmierebbe in combustibile,guadagnando i nostri nipoti in salute.

  2. Pingback: La metropolitana di Milano si muove anche con il solare

  3. E’ una vergogna che in Italia non si faccia nulla, a livello statale per la posa di pannelli solari, su ogni tetto di casa o capannoni che siano. Sono suluzioni più sbrigative che portano ad un risparmio energetico notevole a tutti i livelli. Basta parlare di nucleare. AVANTI A TUTTAFORZA CON IL SOLE……

  4. C’è qualcosa che non torna. Se l’impianto è in grado di produrre 1,4 milioni di kilowattora l’anno come è possibile un risparmio medio di 14 milioni di kWh/anno? Dov’è l’errore?

  5. Ciao Alfio,
    il progetto di Atm prevede una serie di interventi che coinvolgono tutti i processi produttivi: la previsione di risparmio medio riguarda la totalità del progetto.

  6. Pingback: La metropolitana di Milano si muove anche con il solare « Sinpecado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *