Mostra “I fiori nell’Arte”: il punto di vista di una flower designer

Silvia dei Fiori, che cura la rubrica di flower design matrimoniale per il blog di Oggi Sposi, è l’autrice di questo pezzo in cui ci descrive le sue emozioni nel visitare la mostra dedicata ai fiori nell’arte, dal ‘600 a Van Gogh, in corso a Forlì, di cui abbiamo parlato qualche tempo fa. Traspare da queste righe l’amore per le corolle e per il suo lavoro e volentieri le diamo spazio: questo suo viaggio ci invoglierà a seguirla, con la comprensione che la composizione floreale non è solo estetica ma anche storia e cultura!

E’ arrivata! La mostra che sognavo è arrivata finalmente. Per me che sono Maestra d’Arte Floreale la mostra “Fiori. Natura e simbolo dal Seicento a Van Gogh” allestita a Forlì nelle sale del Museo San Domenico è un sogno che si avvera ma per tutti coloro che amano i fiori è l’occasione per avvicinarsi ad uno dei capitoli più affascinanti dell’Arte Floreale, gli stili d’epoca… ed ecco che attraverso meravigliose opere, ci troviamo a cavalcare i secoli della storia dell’arte ma non solo… anche della composizione floreale.

E’ quasi un gioco osservare i dipinti , analizzare le tipologie di fiori, i colori utilizzati, la linea compositiva, i vasi, i dettagli e riconoscerne lo stile e l’epoca… si rischia di passare per esperti d’Arte ed effettivamente io esperta lo sono …ma …d’Arte Floreale! Sì perché… proviamo a pensare… da dove si possono trarre gli spunti per rappresentare un’epoca da interpretare attraverso i Fiori?… Ma certo attraverso le opere artistiche che vanno anche oltre al dipinto, partono dalle linee architettoniche, passano dalle scultura, dai bassorilievi, agli stucchi, agli affreschi, per arrivare ai dipinti che troviamo in questa bellissima mostra che dal naturalismo Caravaggesco ci accompagna in questo entusiasmante viaggio fino ai primi del 900.

Proviamo ad immergerci “nel secolo d’oro dei fiori”,  tra il 600 e il  700, è il Barocco… cento anni di capolavori… la natura morta, le cui origini risalgono alla pittura fiamminga del cinquecento, ha come primo esponente in Italia il grande Caravaggio… la composizione floreale è influenzata dal crescente interesse per la botanica e  per lo sviluppo delle scienze,le specie di fiori coltivati, ed ora anche importati da paesi lontani, vengono proposti fedelmente in numerosi dipinti, in alcune opere sembra che l’artista si sia divertito a inserire quante più specie possibili al fine di invitare l’osservatore a identificare ognuna di esse, la linea compositiva è più ariosa rispetto a quella del 500, più ”naturale”  e meno rigida, i contenitori non sono più  brocche o anfore adattate per contenere fiori, nascono ora contenitori espressamente creati per essi, vengono importati vasi dall’oriente e dall’Europa.
Nelle nature morte del 600 alla base dei vasi spesso vengono ritratti oggetti di uso comune, il fiore assume un valore simbolico, ad esempio, appassito, spesso presente in questi dipinti, ci rammenta la caducità della vita. 

(Foto 1: Carlo Dolci, Vaso di fiori con Bacile, Foto 2: Mario Nuzzi con Filippo Lauri La primavera)

Tra la fine del 600  e l’inizio del 700 la morbidezza compositiva conquistata  arriva alla sua massima espressione, le linee floreali si sviluppano in morbide curve sensuali, tutta l’esuberanza Barocca è ben rappresentata da composizioni opulenti e ricchissime, gli accessori inseriti nei dipinti sono ventagli, gioielli, farfalle o insetti, i colori vengono dosati con grande maestria, gialli, bianchi, rosa, arancio, verdi chiari in diverse tonalità e qualche pizzico d’azzurro, la composizione floreale inizia ad assumere anche un ruolo puramente decorativo.

(foto a fianco: RACHEL RUYSCH – Mazzo di fiori in un vaso e melagrane, 1715)

Spero di aver solleticato in voi un pizzico di curiosità, vi invito di cuore a visitare questa mostra che può essere un modo nuovo per apprezzare i fiori, e considerato il fatto che è attraverso il mondo dei fiori che mi sono appassionata all’Arte, spero che questa visita possa scatenare la stessa passione in ognuno di voi!

Silvia dei Fiori

Share on Facebook0Share on Google+2Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

5 risposte a “Mostra “I fiori nell’Arte”: il punto di vista di una flower designer

  1. questa galoppata nel mondo dell’arte attraverso i fiori è appassionante. Un punto di vista diverso per avvicinarsi ai dipinti antichi, al mondo dei fiori e della composizione floreale! Un aspetto stimolante su cui non mi ero mai soffermata e che mi incuriosisce moltissimo.Grazie per le preziose informazioni! Un’ultima cosa, esiste un catalogo della mostra di Forlì? A presto spero, con nuove proposte altrettanto interessanti!

  2. questo articolo cosi’appassionante mi invoglia a visitare la mostra, sono affascinata dagli splendidi colori che la natura regala e l’uomo assembla sia nel passato attraverso questa carrellata storico/pittorica che nel presente da flower designer di livello,
    sara’ che sono una pittrice (www.thula.it)e apprezzo con con maggior sensibilita’ ogni espressione creativa ,grazie silvia dei fiori!

  3. Sono appassionata di storia dell’arte sin dal liceo ed ho avuto la fortuna (grazie al mio particolare percorso formativo e poi lavorativo) di approfondire più volte diversi aspetti inerenti questa meravigliosa materia…ma devo essere sincera, la chiave di lettura di silvia in questa breve recensione mi ha davvero incuriosito!… non ho mai dato particolare attenzione alle varietà floreali di un quadro, se non in casi simbolici davvero eclatanti e fondamentali al fine narrativo…
    ..chissà che (viceversa ) dal mio grande amore per l’arte non ne nasca una passione per i fiori!

  4. Gentili Signori,
    con la presente vorrei comunicare ai vostri associati la possibilità di partecipare agli importanti Festival Internazionali di fiori a San-Pietorburgo.
    Rimango a vs disposizione per ulteriori informazioni.
    Distinti saluti
    Caterina Rugi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *