Giugno, è tempo di more (di gelso)

Se ne vedono ancora, in provincia, tra i campi o isolati vicino a vecchie aziende agricole: sono i gelsi, splendidi testimoni di un passato in cui se ne piantavano tanti, in Italia, per allevare il baco da seta. Adesso sono le sue more ad ingolosirci ma allora erano coltivati per il baco. Erano vita, allora, lui e il  il suo prezioso filo…

Perché il baco da seta adora i gelsi (basta dare un’occhiata a questo video), soprattutto quelli bianchi (Morus alba). Il baco non è nient’altro che il bruco di una falena di nome Bombyx mori. Una volta deposte le uova, nascono i bruchi che si nutrono di foglie per poi costruirsi il bozzolo e trasformarsi in farfalla. Il bozzolo viene creato in 2 o 3 giorni ed è composto da un filo unico che può essere lungo quasi un chilometro, tessuto con la bocca in moltissimi strati, con un lavoro e una tenacia che si possono solo ammirare…

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=X2dGyFjAPcg&NR=1[/youtube]

Ora la bachicoltura non si fa più, ma alcuni alberi si sono salvati e farebbero la gioia di tanti bambini, se solo sapessero quanto è golosa una mora di gelso. I frutti dei gelsi, in particolare di quello nero (Morus nigra), più zuccherino di quello bianco, sono una vera delizia da assaggiare almeno una volta nella vita. Ci si prepara una deliziosa grappa (la ricetta la trovate su Pronto in Tavola). E considerata l’abbondanza con cui questi alberi generosi ne producono, raccoglierle dagli alberi non crea torto a nessuno. Anzi, è tale la loro quantità, che dopo alcuni anni di torte e marmellate, molti proprietari le lasciano alla natura, con gran gioia degli uccelli. I gelsi fruttificano in questo periodo, quest’anno forse un filo in ritardo sui tempi a causa delle giornate fredde fuori programma. E chi le assaggia, a volte non resiste a portarsi via un pezzetto di ramo per farne una talea e crescere questo bell’albero nel proprio giardino.

Abbiamo chiesto a due esperti paesaggisti, Giovanni Poletti ed Elisabetta Pozzetti, che cosa comporta avere vicino a casa un albero di gelso e ci hanno svelato pro e contro.

Il gelso, ci hanno detto, è un albero esteticamente molto attraente: cresce veloce e forma una chioma bassa e larga piuttosto ombrosa, piacevole perché non buia e fresca: le foglie infatti fanno passare la luce. Ci consigliano di piantare il nostro alberello ad almeno 5 metri da casa, per evitare che il robusto apparato radicale possa creare problemi, tenendo conto che la pianta adulta, se non potata (come si faceva per l’allevamento del baco), arriverà ad almeno 10-12 metri agilmente in pochi anni. Di recente si sta ricominciando a piantare gelsi, parte del nostro antico paesaggio dove delimitavano i campi coltivati ma, diversamente dal passato, lo si sta utilizzando anche in città. In questo caso bisogna solo prestare attenzione a farlo crescere in aree libere, dove la larghezza della chioma non infastidisca (evitando dunque i filari), e utilizzare specie sterili (“Fruitless”). Sulle strade pubbliche infatti è consigliabile, ci dicono, evitare la produzione delle more che, create sempre in grande quantità, macchiano indelebilmente tutto quello che toccano!

Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

7 risposte a “Giugno, è tempo di more (di gelso)

  1. Ma….sulle more cosi’poche parole?

    Ho sempre trovato straordinario che siano cosi’ simili sia per l’aspetto che per il gusto alle more normali.

    Pero’ piu’ dolci, con meno semini… e niente spine per prenderle!

    Altro che varieta’ sterili…. sono cosi’ buone, nei giardini e nei parchi anche se sporcano un po’ pazienza.

    Ecco, magari non nei viali dove si parcheggia o si cammina….macchiano come l’inferno.

  2. Salve,ho un piccolo appezzamento di terreno nelle marche,vorrei piantare gelsi e iniziare ad allevare bachi da seta,ma essendo questo un lavoro ormai in disuso,e’ molto difficile raccogliere informazioni al riguardo.Potete darmi una mano? Grazie e cordiali saluti,Christian.

  3. Io ho due alberi di gelso (uno bianco e uno nero) di 2 anni di eta’ Entrambi sono cresciuti rapidamente e quest’anno quello di gelsi bianchi aveva i rami pieni di frutti. SOno partita quando erano ancora acerbi e al mio ritorno (dopo) una settimana ho scoperto che tutti i frutti erano spariti (ma nessun umano li aveva toccati) I rami sono puliti come se i frutti non ci fossero mai stati… cosa e’ successo? colpa degli uccelli? a terra non ho trovato niente!

    • Ida, di sicuro il tuo albero non si è ripreso le sue more bianche dopo averle prodotte… e considera che quando cadono, le more di gelso sono già ben mature quindi “spariscono” molto in fretta degradandosi o fornendo cibo a insetti e animali. Anticamente, per raccoglierle, si stendevano delle reti apposite sotto agli alberi, ben distanziate da terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *