Coltivatori disobbedienti: “il mais ogm non contamina i campi vicini”

“E’ la dimostrazione che la coesistenza si può fare. Io ho seminato più tardi rispetto ai miei vicini e così la commistione non è avvenuta”. A parlare è l’agricoltore friulano, Giorgio Fidenato, che lo scorso 25 aprile ha seminato un terreno con mais ogm, commentando con l’Adnkronos la notizia che i campi vicini e confinanti coltivati a quello di Vivaro, (in provincia di Pordenone), non sarebbero stati contaminati, secondo quanto emerge dai primi risultati delle analisi condotte su alcuni campioni, su mandato della procura di Pordenone che ha aperto un’inchiesta sulla vicenda.

Fidenato, il cui campo di 3.300 mq è stato distrutto da un gruppo di attivisti il 9 agosto scorso, spiega l’escamotage adottato per fare in modo che la “commistione non avvenga. Mi è bastato seminare più tardi, una tecnica semplice, indicata anche dalla Unione europea – continua Fidenato che è anche agronomo – in modo che quando è iniziata la fioritura del mio mais, quello dei vicini era già stato impollinato, il budello apollinico era chiuso e quindi non poteva essere fecondato di nuovo. La convivenza dunque è possibile – dice soddisfatto – gli altri appezzamenti stavano a 15-20 metri dal mio, basta parlarsi tra coltivatori. I politici non dovrebbero entrare in queste questioni, noi abbiamo denunciato tra gli altri, il presidente del Veneto Luca Zaia e l’assessore all’Agricoltura del Friuli Venezia Giulia Claudio Violino” ricorda Fidenato che non nasconde poi la sua rabbia per la devastazione del suo campo da parte di un gruppo di attivisti che definisce “banditi”.

Fidenato tiene a precisare inoltre che “bisogna parlare di ‘commistione’ come dice la stessa Unione europea nella delibera e non di ‘contaminazione’ e soprattutto che la commistione implica solo aspetti economici e non sanitari e ambientali”.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Coltivatori disobbedienti: “il mais ogm non contamina i campi vicini”

  1. Lo avevamo dtt, ridetto, sostenuto. Ma voi giornalisti avevate bisogno dello scontro per fare notizia. Provate, ogni tanto, ad approfondire prima a chiedere informazioni a non fare di ogni fatto per forza uno \"scoop\".

  2. Mancano qua e là l’aggettivo “illegale” e l’avverbio “illegalmente”.

    La dichiarazione di Fidenato va letta correttamente come: “Io ho seminato ILLEGALMENTE più tardi rispetto ai miei vicini e così la commistione non è avvenuta”.
    E poi:
    “A parlare è l’agricoltore friulano, Giorgio Fidenato, che lo scorso 25 aprile ha seminato ILLEGALMENTE un terreno con mais ogm…”

    “Fidenato, il cui campo ILLEGALE di 3.300 mq è stato distrutto ILLEGALMENTE da un gruppo di attivisti il 9 agosto scorso…”

    “Mi è bastato seminare ILLEGALMENTE più tardi…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *