25-26 settembre: piante e animali perduti a Guastalla

Alla quattordicesima edizione nelle vie del centro di Guastalla, cittadina sulle rive del Po in Emilia, si svolge questo fine settimana, 25 e 26 settembre, “Piante e Animali Perduti”: dal mattino al tramonto una mostra-mercato tra le più corpose (quasi 400 espositori) e varie offrirà ai suoi visitatori l’occasione di ammirare piante, ortaggi, frutti antichi (troveranno luogo anche allestimenti di giardini realizzati dai vivaisti) e razze di animali di campagna che stanno scomparendo. L’intento è recuperare, o almeno conoscere, parte di quel prezioso universo rurale che la modernità, nella sua corsa verso il futuro, sta velocemente dimenticando, con tutte le sue tradizioni e i suoi incredibili “saperi”. Quest’anno gli animali avranno particolare spazio: mucche, galline, asini e maiali saranno in mostra in un’area a loro dedicata nel piazzale dietro a Palazzo Gonzaga.

Non mancheranno le iniziative, con laboratori artigianali, botanici, orticoli e gastronomici, la mostra delle zucche giganti, la gara di canto dei galli all’alba della domenica, la costruzione degli spaventapasseri, le sculture di frutta e verdura e persino un mini-corso di guida degli asinelli dedicato ai bimbi, che potranno tra l’altro scoprire, nella via Cavour tutta a loro dedicata, giochi e giocattoli del passato. Un corso intero invece farà vetrina delle specialità eno-gastronomiche, parte fondante della tradizione emiliana.

E dopo aver fatto festa, spazio alle riflessioni serie a Palazzo ducale con l’ottavo convegno annuale di RARE sulla biodiversità zootecnica italiana, oltre a conversazioni sul recupero dei giardini storici di Genova e la presentazione di vecchie varietà locali di grano recuperate per il nuovo pane di Reggio Emilia, il “Pan de Re” a km 0. Ingresso gratuito. Ulteriori info sul sito: www.pianteeanimaliperduti.it

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *