Incentivi per le biomasse? “Blocchiamoli…”

L’industria dei pannelli di legno europea si ferma oggi per due ore per protesta contro il ”furto” della propria materia prima, il truciolato, che va letteralmente ”in fumo” perchè utilizzata dalle centrali a biomasse. Da’ voce al settore il friulano Giovanni Fantoni, presidente dell’omonimo gruppo del legno, che gestisce stabilimenti di produzione di pannelli a Osoppo (Udine), Avellino, in Slovenia e Serbia, con 850 addetti e una produzione di 1,5 milioni di metri cubi di pannelli all’anno. ”Da alcuni anni – ha detto Fantoni, interpellato dall’ANSA – c’é una forte pressione sull’acquisto del legno da parte delle centrali a biomasse. Sulla base di un’interpretazione estensiva della legge, si approvvigionano di legno vergine, che viene triturato e portato in combustione in caldaia. Questa energia, che viene prodotta da quella che per noi è materia prima, è fortemente incentivata attraverso i meccanismi dei certificati verdi, studiati – ha ricordato Fantoni – per sostenere la produzione di energie rinnovabili”.

Fantoni denuncia quello che secondo lui è un paradosso. ”Un conto – ha spiegato – sono gli incentivi per investimenti atti a catturare energie che altrimenti verrebbero disperse, come vento, sole o le maree. Ma tutt’altra cosa, e per di più paradossale, è usare soldi pubblici per una materia prima che è vitale per il nostro settore. Con essa si mantiene la competitività della filiera legno-mobile che in Italia e in Europa sviluppa numeri significativi e occupazione”. I produttori di pannelli in truciolato e di MDF (pannelli a media densità) lamentano un aumento dei prezzi del legno del 40-50%, che comporta anche calo della produzione e difficoltà di reperibilità.

Le proposte delle aziende – che per questo hanno deciso di fermare gli impianti per due ore – sono quelle di bloccare gli incentivi alle biomasse, limitandone la definizione agli scarti dell’agricoltura o alla frazione del lavoro del legno e del bosco, tipo ramaglie o cortecce, ”così come riteniamo – ha puntualizzato Fantoni – fosse nelle intenzioni originarie del legislatore. Aggiungo che in Italia esistono già molti esempi dove, una volta cessato l’incentivo, le centrali sono state chiuse o ne è stata chiesta la riconversione per bruciare rifiuti. L’efficienza termica del sistema legno non è superiore al 23-24%, per cui la gran parte di ciò che viene bruciato va a “scaldare il mondo” – ha concluso – e non produce energia”

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “Incentivi per le biomasse? “Blocchiamoli…”

  1. Questo signore non ha tutti i torti.

    In effetti poi il legno utilizzato come materiale da costruzione permette di “sequestrare” CO2, ovvero le piante tolgono CO2 dall’atmosfera e invece di restituirla bruciandola la “immobilizziamo” in una costruzione o un mobile, riducendo l’effetto serra.

  2. Caro Indaco, questi signori fino a qualche anno fa pagavano il legno sottocosto a noi pioppicoltori dicendo che era colpa della mondializzazione dei mercati. Adesso, semplicemente per stare in piedi, abbiamo trovato delle alternative al nostro prodotto. Ti ricordo che il legno che utilizziamo è prodotto per lo scopo e non proviene dalla \\"distruzione delle foreste\\".Aggiungo che nella fase di produzione si produce molto ossigeno e non si usano prodotti di sintesi. Si riduce il debito dlla bolletta energetica con l\\\’estero creando interessanti nicchie di mercato per molti agricoltori e non solo. Non dimenticare che il calore non va a \\"scaldare il mondo\\", ma entra in reti di teleriscaldamento sostituendo le fonti fossili mantenendo sul territorio il valore della bolletta energetica.
    Impariamo ad ascoltare anche l\\\’altra faccia della medaglia affrontando le cose con coerenza e razionalità e un occhio di particolare riguardo all\\\’ambiente e non solo agli interessi personali.

  3. Sono d’accordo con te, giustamente ci sono altri punti di vista. Personalmente sono favorevolissimo che si diffonda sempre di piu’ l’arboricoltura, sia per produrre biomasse combustibili che materiali da costruzione. Fino a prova contraria e’ ancora il modo migliore per accumulare energia solare, oltre che per la qualita’ della vita.
    In astratto comunque utilizzare il legno come materiale da costruzione invece che bruciarlo ha un bilancio ancora migliore per l’effetto serra.
    Inoltre convengo che utilizzare prodotti locali invece che importare combustibili fossili ha effetti positivissimi sull’economia nazionale, anche a parita’ di costo per il consumatore… e quindi e’ giusto che sia incentivato non solo per motivi di ecologia e ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *