Quando lo scontrino è “sostenibile”


Tre giorni di attività ed esperienze
, di percorsi ludici e gastronomici per scoprire insieme una grande opportunità: le risorse del pianeta e la salute delle persone possono essere difese con un unico semplice gesto, far la spesa in modo responsabile e consapevole. E’ questa l’idea che sta dietro all’evento “Buono per te, sostenibile per l’ambiente” – promosso da Barilla in collaborazione con Legambiente – che inizia oggi, 5 novembre e termina domenica 7 novembre a Roma, in Piazza San Giovanni.

L’evento propone il criterio della “doppia piramide alimentare e ambientale”. La Doppia Piramide dimostra che mangiare in modo sano ed equilibrato, secondo il Modello Alimentare Mediterraneo, fa bene sia alla salute dei singoli che all’ambiente. Gli alimenti suggeriti dalla ricerca scientifica per una corretta nutrizione inoltre sono anche quelli che causano impatti ambientali minori e, quindi, in definitiva quelli più rispettosi dell’ambiente.

A Roma, un “orto parlante” accoglierà gli ospiti: piante e ortaggi informeranno direttamente i partecipanti sugli impatti globali delle nostre scelte alimentari e sulle possibilità alternative. L’itinerario dei visitatori proseguirà lungo gli scaffali di un supermercato: fatta la spesa, lo scontrino ne descriverà non il prezzo ma il contributo in termini nutrizionali e ambientali, mettendo in luce l’Impronta Ecologica, i metri quadrati di terreno necessari per produrre e consumare gli alimenti scelti.

Esperienze dirette, giocose ed efficaci, importanti per riflettere e acquisire consapevolezza sull’impatto delle scelte alimentari sulla propria salute e su quella dell’ambiente e per confermare il valore della Dieta Mediterranea, fondata su varietà, equilibrio dei nutrienti e gusto. Al termine del percorso i visitatori potranno sottoscrivere il manifesto “Buono per te, sostenibile per l’ambiente” e degustare un menu “virtuoso”, sano e sostenibile, preparato dagli chef Barilla.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *