Verdure bio? Non più salutari di quelle tradizionali

Cipolle, carote e patate biologiche non hanno livelli più alti di antiossidanti rispetto ai vegetali coltivati con metodi tradizionali: lo afferma uno studio pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry da un gruppo di ricercatori del National Food InstituteTechnical dell’Universita’ della Danimarca guidati da Pia Knuthsen. Gli scienziati hanno messo in paragone studi in cui sono stati misurati i polifenoli (antiossidanti) contenuti in cipolle, carote e patate coltivate con metodi convenzionali e biologici: e dai risultati è emerso che non sono state riscontrate differenze nel contenuto di polifenoli nei vegetali dei due gruppi. ”Sulla base di questo studio non si può concludere che le cipolle, le patate e le carote coltivate con metodo biologico abbiano un più elevato contenuto di composti chimici salutari rispetto a quelli coltivati convenzionalmente”.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Verdure bio? Non più salutari di quelle tradizionali

  1. io personalmente compro verdure bio non perchè contengano più nutrienti, non ha senso, ma perchè NON contengono DISERBANTI – CONCIMI CHIMICI – VELENI vari… mi sembra una informazione un pò al contrario, i cibi bio non hanno cose in più, ma hanno veleni in meno, e per quanto la gente lo etichetti come una moda x viziati, ribadisco che il cibo bio è come dovrebbe essere tutto il cibo, mentre quello definito tradizionale spesso esce da fabbriche chimiche non da dove dovrebbe uscire, fate voi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *