La città di Milano ha la SUA rosa: si chiama ‘Gran Milano’

In effetti la notizia è veramente di quelle che rendono fieri. E’ stata creata una varietà di rosa intitolata alla città di Milano. La rosa ‘Gran Milano’ è rossa e troverà presto il suo posto nelle aiuole più prestigiose della capitale meneghina: verrà infatti piantata per prima cosa a Piazza della Scala. L’orgoglio trapela dalle parole dell’assessore all’Arredo, Decoro urbano e Verde Maurizio Cadeo che ricorda: “Ben poche città al mondo possono vantare una rosa che porta il proprio nome. Milano ora ce l’ha”. Ecco le caratteristiche del rosaio…

Neanche da dire che le cose non siano state fatte per bene: il creatore tedesco della rosa ‘Gran Milano’ infatti di esperienza ne ha da vendere e da sempre il suo marchio, Kordes, è, per tutti gli appassionati, garanzia di varietà sane e rigogliose. Ecco la descrizione della ‘Gran Milano’:

La rosa ‘Gran Milano’ ha caratteristiche ideali: lunghissima fioritura, portamento compatto e ordinato, grande resistenza alle malattie e al freddo, fogliame sano ed elegante di un bel verde lucente e persistente anche nella stagione invernale e limitata necessità di cure manutentive. Il fiore ha anche un’altra caratteristica: la certificazione europea ADR, una garanzia assoluta di qualità che evita di dover ricorrere ai trattamenti antiparassitari, consentendo quindi un notevole beneficio in termini ecologici e ambientali; ha già vinto la Medaglia d’Oro e la Medaglia d’Argento, rispettivamente, ai concorsi internazionali di Valencia e di Monza”. Non male, no? 😉

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “La città di Milano ha la SUA rosa: si chiama ‘Gran Milano’

  1. Innanzitutto …. la rosa di Milano rende fieri chi? E poi Milano… la città meno verde d’Italia per definizione.
    Secondo me le rose se potessero si ammazzerebbero da sole pur di non vivere in una città così inquinata.
    Ma se basta dare il nome a una rosa per rendere fieri i meneghini… ben venga!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *