Eco-luci floreali (e non) conciano Milano per le feste

Milano si veste di led in grande stile. E con le sue luminarie a basso consumo non rinuncia allo splendore e al fasto della feste più luminose dell’anno: Natale e Capodanno. Su iniziativa dell’Assessorato dell’Ambiente milanese nasce il Festival Led, un trionfo di scintillanti luci sulle opere e sui più bei palazzi della città per tutto il periodo festivo. E in una delle vie più grandi e trafficate, ecco un omaggio tutto floreale: per oltre 5 chilometri le luminarie prendono la forma di una rosa fascinosa. Festeggiano e annunciano la rosa dedicata a Milano, la ‘Gran Milano’, che verrà piantata a primavera nelle principali aiuole della città.

Nel futuro ci saranno solo i led. Questo è quanto è stato deciso per rendere il nostro stile di vita più eco-sostenibile. I led consumano poco ma questo non vuol dire che non siano all’altezza delle luci tradizionali: lo dimostra il Festival Led. L’iniziativa ha creato un concorso di artisti che hanno gareggiato con i loro progetti per decorare a led la città di Milano. E i risultati sono a dir poco “illuminanti” 😀

Dai tram sfolgoranti alle facciate, alle fontane ai castelli, la città risplende nella notte, dando finalmente luce alle sue parti più belle (anche se come al solito la polemica non è mancata, per esempio nel caso di Ago, Filo e Nodo, la scultura di Piazza Cadorna, dove le luci sono state rimosse). Ogni opera ha il suo sponsor, così che siano contenti tutti: il Comune, per il prestigio dell’iniziativa e la cassa salva, gli artisti per l’onore e le spese pagate, l’azienda per la visibilità e l’immagine e i cittadini per il ritornato splendore della loro città. Dopotutto, la sostenibilità è anche questo.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Eco-luci floreali (e non) conciano Milano per le feste

  1. Ho visto le luminarie in B.Ayres..sono helle davvero, e anche insolite, data la ricorrenza natalizia. Ci vorrebbe qualche foto in più!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *