La stella di Natale più eco? E’ quella che si mangia

Il mese delle feste per eccellenza è iniziato, e bisogna subito cominciare a pensare al grande giorno, il 25 dicembre, quando tutta la famiglia si riunirà intorno alla tavola imbandita in pompa magna per il Natale. E allora come sorprendere e deliziare i cari “ospiti” di quel magico giorno? Magari con un’idea per evitare sprechi e acquisti di decorazioni che si accumulano in cantina. Per esempio una cruditè a forma di Stella di Natale… direttamente nel piatto!

La stella-pinzimonio è uno dei suggerimenti davvero carini che troviamo in Rete su un blog tutto dedicato al Visual Food ovvero all’intaglio di frutta e verdura. Sotto il titolo curioso Amouseonthetable.blogspot.com, Rosemary, la creativa autrice, propone tante decorazioni sfiziose, ecologiche e commestibili.

Compresa una tavola tutta a tema natalizio, di cui ci hanno intrigato, naturalmente, i soggetti vegetali: Stelle di Natale – come quella della foto in alto –  e alberi – per esempio di tagliatelle – simboli di questa calda festività. Ornato di “stelle-peperoni”  anche lo stupendo centrotavola.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

13 risposte a “La stella di Natale più eco? E’ quella che si mangia

  1. Rosemary è una persona deliziosa oltre che una geniale visual.food.artista!! Io consiglio di seguire il suo blog perchè è eccezionale. Io ho imparato a fare le rose di bresaola, grazie ad un tutorial che mi ha gentilmente inviato! (P.s. NO, Rosemary non mi ha pagato per scrivere questo commento! 😉

  2. Confermò anch’io quanto detto da Sarù, Rosemary è la numero 1 e il suo blog vi fa venire voglia di non uscire mai dalla cucina (infatti sta diventando la mia rovina 😀 )!!!!!

  3. Da pochi giorni, cercando sul web per qualcosa di originale, mi sono imbattuta nei tutorial della Signora Rosmary, semplici, chiari e molto facili da eseguire. sono entusiasta, mi sono iscritta al sito ed ora stò sperimentando tutti i piatti in Visualfood. cosa aggiungere? Grazie Rosmary per l\’opportunità che ci da di creare decorazioni per piatti che altrimenti sarebbero insignificanti. Tutto questo è possibile anche non essendo dei Mestri dell\’intaglio.

  4. ciao, scusate, ma cliccando sul link che riportate ( il blog favoloso di cui parlate, il blog di Rosemary ), mi rimanda ad un altro blog, posso chiedervi il link corretto? graziee ciao susi

  5. Ciao grazie 1000 blog stupendo a natale proverò a fare le candele di polenta, stupenda ricetta, ma mi avete incuriosito, mi date anche il link che porta al blog di rosemary? Grazie ciao Susi

  6. ciao, grazie, ma scusate non capisco. io vorrei un link che rimanda al blog di Rosemary, ma il vostro link porta di nuovo a Rita Loccisano e al suo blog. posso chiedervi il link corretto per il blog di rosemary, a mouse on the table? grazie ciao susi

    • Susi,
      hai letto la pagina a cui portava il link che ti ho incollato in risposta alla tua domanda?
      C’è scritto: “Con la nascita del primo blog, A Mouse On The Table, Rita comincia a pubblicare idee e composizioni totalmente commestibili attraverso uno strumento nuovo, dei video-tutorial”. A Mouse On The Table è stato il blog con cui Rita ha iniziato il suo percorso professionale: ora non esiste più perché è stato sostituito da VisualFood.

  7. ciao e tanti auguri adesso voglio dare 1 okiata ai siti di cui parlate…….. vorrei fare qlsa d creativo x il pranzo di natale 🙂 nella foto in alto in alto, della stella di natale quali sono gli ingredienti? ceci e peperoni rossi? e le foglie cosa sono? grazieee tanti auguriiiii rossella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *