L’auto biodegradabile in rattan e bambù

Kenneth Cobonpue è un famoso ecodesigner filippino che per i suoi lavori utilizza i materiali naturali tipici del suo paese d’origine come bambù, rattan e abaca traducendoli in forme sempre nuove e modernissime. La sua ultima creazione però è nientemeno che… un’auto! La Phoenix Roadster, questo è il nome della prima auto biodegradabile, ha una carrozzeria in rattan e bambù montata su un telaio in acciaio e fibra di carbonio mentre nella parte posteriore c’è lo spazio per inserire un motore elettrico.

L’auto, progettata in due mesi, è stata costruita in dieci giorni da Cobonpue nel suo laboratorio a Cebu nelle Filippine unicamente come esercizio creativo, senza alcuna intenzione di produzione in serie. Come dice lo stesso designer: “…si tratta di una sfida. La costruzione di un’automobile è legata a macchinari e a robot, ma forse tutto ciò non serve, ci si può costruire un’auto da soli. Quanto tempo vive un’auto? 5 anni nei paesi industrializzati, 10-20 anni negli altri, poi finisce in un deposito di rottami. Non c’è attenzione verso l’ambiente e i costi per riciclare i materiali che compongono un’auto sono proibitivi. Allora, perchè non costruire le auto con materiali biodegradabili e facilmente sostituibili a basso costo da parte del proprietario?”

Si tratta quindi di un progetto che vuole unicamente portare l’attenzione sul futuro delle auto ecologiche, i cosiddetti green vehicles, unendo componenti organici a tecnologie eco-sostenibili.

Kenneth Cobonpue si è conquistato la fama di eco-designer per i suoi mobili che coniugano materiali sostenibili a lavorazioni artigianali, elaborandoli in forme eleganti e raffinatissime e sfruttando al contempo le particolari caratteristiche di ciascuna fibra naturale. Tra i suoi clienti ci sono la regina Rania di Giordania e la coppia Brad Pitt-Angelina Jolie e alcuni suoi mobili sono comparsi anche in film famosi come Ocean’s Thirteen.

Qui il sito di Kenneth Cobonpue: www.kennethcobonpue.com

Luisella Rosa

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *