William e Kate: sposi ad alto impatto ambientale

Celebrato il matrimonio reale inglese, terminato l’evento mediatico seguito da mezzo mondo, finiti i commenti sull’abito della sposa, gli invitati e ogni altro più piccolo dettaglio, conclusa la festa, cosa rimane da fare? Ma le pulizie, ovvio!

Un team formato da 130 persone con macchinari adeguati in poco più di un’ora ha raccolto per le strade di Londra  la bellezza di 140 tonnellate di spazzatura di ogni genere lasciata dalla folla di spettatori. Ma non è finita qui. C’è stato anche chi si è preso la briga di valutare l’impatto ambientale causato dal Royal Wedding
Il team di Landcare Research che si occupa del programma carboNZero, su richiesta del quotidiano inglese The Telegraph, ha effettuato i suoi calcoli ed ha stimato che il matrimonio reale ha generato più di 6765 tonnellate di anidride carbonica, che corrisponde a 10 volte la quantità di gas serra prodotto in un anno da Buckingham Palace, o a 1230 volte l’emissione annuale di una normale abitazione famigliare.

Secondo Landcare Research la maggior parte dell’emissione di anidride carbonica è stata causata dai voli aerei degli invitati al matrimonio provenienti da ogni parte del mondo, così come dai vari veicoli terrestri usati per trasportare loro oltre a turisti e spettatori. La stima è stata effettuata per difetto in quanto l’Agenzia ha precisato che nei suoi calcoli non sono state incluse le quantità di anidride carbonica derivanti dai voli dei media internazionali, gli street party e le energie impiegate nella produzione di tonnellate di gadget celebrativi.

Bisogna dire però che la Famiglia Reale si è molto impegnata per dare un’impronta verde all’evento: la stampa di comunicati e documenti è stata effettuata su carta riciclata, gli stand per le postazioni televisive sono stati costruiti utilizzando legna certificata FSC, i cibi offerti a Buckingham Palace erano di provenienza locale e stagionale, come gli allestimenti floreali di cui abbiamo già ampiamente parlato.

Del resto già da tempo le residenze reali sono molto attente alla riduzione dei consumi energetici con un sempre maggiore impiego di energie rinnovabili, grazie soprattutto all’interesse del principe Carlo, attivo ambientalista.
Anche William e Kate hanno fatto la loro parte, richiedendo come regali di nozze donazioni ad una serie di charities tra cui Earthwatch. E, ultima curiosità, per recarsi a Clarence House i novelli sposi hanno utlizzato una storica Aston Martin di 38 anni, di proprietà del principe Carlo, convertita nel 2008 a bioetanolo E-85 ricavato dagli scarti della lavorazione del vino. Ecologica sì, ma pur sempre addobbata con cuori, nastri e palloncini…

Luisella Rosa

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “William e Kate: sposi ad alto impatto ambientale

  1. Pingback: Oggi Sposi» Blog Archive » Royal wedding: un matrimonio ad alto impatto ambientale

  2. Era inevitabile che il matrimonio dell’anno lasciasse l’impronta, oltre che nei sogni di tantissime future spose, anche nell’ambiente. Mi sembra comunque apprezzabile lo sforzo che la famiglia reale ha fatto per limitare l’impatto ambientale dell’evento. Credo che un passo avanti avrebbe potuto essere fatto semplicemente limitando il numero di invitati alle nozze. Oltre ad alcuni regnanti “scomodi” di cui molto ha parlato la stampa, avrebbero sicuramente potuto escludere molti semplici conoscenti che hanno fatto divertire i tanti lettori delle cronache mondane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *