Per farsi notare, gli alberi diventano blu

Ogni artista, si sa, ha la sua impronta caratteristica e quella di Konstantin Dimopoulos è davvero particolare: le sue opere sono nientemento che alberi, alberi vivi e vegeti, ma… blu!
Per stare tranquilli diciamo subito che i colori da lui usati sugli alberi sono biologicamente sicuri, a base di acqua pigmentata. Si tratta quindi di opere effimere in quanto il colore degrada naturalmente tramite gli agenti atmosferici e gli alberi gradualmente ritornano del loro naturale colore. Andiamo allora a scoprire qualcosa di più su queste particolari installazioni artistiche…

L’artista Dimopoulos ha molto semplicemente chiamato questo lavoro The Blue Trees  e lo descrive come  “un’azione di arte sociale” . Con questo colore decisamente insolito per un albero, Dimopoulos vuole evidenziare l’importanza che hanno le piante per la nostra sopravvivenza.

In natura il colore è utilizzato sia a scopo difensivo sia come meccanismo di attrazione ed è proprio questa la risposta che la sua opera vuole suscitare negli spettatori, oltre a rivestire le piante di qualcosa di sacro e spirituale. Nella nostra vita frenetica di tutti i giorni spesso non prestiamo la giusta attenzione alla natura che ci circonda, alla sua importanza estetica ed ambientale e queste installazioni vogliono essere un forte richiamo e monito.

Gli alberi blu di Konstantin Dimopoulos hanno fatto la loro prima comparsa nel 2006 a Melbourne, in Australia e la loro ultima apparizione risale allo scorso aprile, alla Biennale 2011 di Vancouver dove attualmente stanno sfoggiando una meravigliosa fioritura. Nato in Egitto, emigrato poi in Nuova Zelanda e successivamente in Australia, dove tuttora vive e lavora, l’artista realizza diversi tipi di sculture ed installazioni ma sempre ad alto impatto visivo, per forme, colori ed elementi, con lo scopo di richiamare l’attenzione sulla natura e sul contributo che ciascuno di noi può dare all’ambiente. 
 
Qui il sito di Konstantin Dimopoulos: www.kondimopoulos.com

Luisella Rosa

Share on Facebook0Share on Google+2Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *