Oggi la premiazione delle rose nuove di Monza

E’ fissata per stasera, venerdì 27 maggio alle 17.00, la cerimonia che vedrà la premiazione delle rose vincitrici del Concorso delle Rose Nuove di Monza organizzato dall’Associazione Italiana della Rosa (Airosa) nel Roseto ‘Niso Fumagalli’ della Villa Reale. Il concorso, patrocinato dalla Candy, è celebre e tra i più quotati a livello internazionale. A rappresentare l’Italia, volti noti del mondo delle rose: Marc Alberici, Enrico Barni, Claudio Cazzaniga, Davide Dalla Libera, Bartolomeo Embriaco, Franco Stalla. Le rose in concorso possono essere ammirate dai visitatori del roseto nei giorni di apertura (gratuita, martedì-venerdì 8-12/14-20, sabato e domenica 9-20). Ma in cosa deve distinguersi una rosa da concorso?

Le “regine” floreali che verranno premiate devono dimostrare, durante i tre anni di test al Roseto della Villa, ottime doti di bellezza, ma non solo: le piante vengono messe alla prova anche per la loro resistenza al secco e al caldo (e da alcuni anni questo tasto è diventato sensibile!) e alle malattie, e di ogni varietà vengono valutati crescita e portamento, nonché profumo. Non c’è un’unica rosa vincitrice: il Concorso è diviso per tipologia (rose da taglio, rose a mazzi, arbustive rampicanti e miniature, rose paesaggistiche, la più bella rosa italiana, la più profumata oltre alla rosa dei giornalisti e la rosa preferita dal pubblico) quindi ci sono varietà di rose premiate per ognuna.

Quella del 2011 è la quarantasettesima edizione: a fare da madrina la scrittrice milanese Valeria Montaldi. In gara quest’anno 79 nuove varietà di rose presentate da 24 rosaisti europei, tra cui come di consueto, tanti ibridatori francesi che spesso fanno la parte del leone anche nei premi, anche se l’anno scorso si sono distinte le rose tedesche, ricordate?
E quest’anno? Quale sarà il responso della giuria? Fiori&Foglie non mancherà, per svelarvi e mostrarvi (pioggia permettendo…) tutte le rose vincitrici!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *