Camilla Parker e il giardino nudo

Nei giorni scorsi si è svolto in Gran Bretagna uno tra gli eventi più importanti per chi ama il giardinaggio, ovvero l’Hampton Court Palace Flower Show. La stampa inglese ha ovviamente dato molto risalto all’evento ma un fatto particolare ha attirato l’attenzione: la moglie del principe Carlo, Camilla, ed una speciale insalata…

Abbigliata con un leggero abito floreale e munita di leggiadro ombrellino parasole bianco, la Duchessa di Cornovaglia ha dunque visitato la manifestazione dove ha avuto la possibilità di assaggiare un’insalata di lattuga e pomodori coltivata in idrocoltura.

In realtà questa lattuga, salita agli onori della cronaca grazie a Camilla, faceva parte di un progetto ben più articolato, presentato ad Hampton Court dal garden designer inglese David Domoney e chiamato Naked Garden.
Il ‘Giardino nudo’ in questione era formato da particolari contenitori in vetro dove alloggiavano rigogliose piante, da fiore e da orto che, grazie alla coltura idroponica, mettevano in risalto l’apparato radicale che normalmente rimane nascosto nella terra. Sul sito dell’RHS (The Royal Horticultural Society) , che organizza l’Hampton Court Palace Flower Show, potete vedere il Naked Garden in un tour virtuale.

Oltre alla famosa lattuga, facevano bella mostra di sè una grande varietà di piante tra cui rose, delphinium, dracaene, agapanthus, zantedeschia ed una spettacolare Vanda ‘Blue Magic’.
Il Naked Garden di David Domoney, che si è aggiudicato la medaglia d’argento all’evento, dà agli amanti del giardinaggio la possibilità di osservare in una luce completamente diversa alcune tra le più diffuse piante da giardino, mostrandone la bellezza nascosta ed evidenziando la qualità e la sostenibilità della coltura idroponica.
 
 Qui il sito di David Domoney: www.daviddomoney.com

Luisella Rosa

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “Camilla Parker e il giardino nudo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *