L’Orchestra vegetale e la sua musica “orticola”

Peperoni, zucchine, carote, melanzane, cetrioli, porri, radicchio, prezzemolo, zucche e carciofi… No, non è l’elenco degli ingredienti per una gustosa ricetta, ma è ciò che occorre ad una speciale orchestra per eseguire i suoi concerti. Parliamo della Vegetable Orchestra (letteralmente “Orchestra di Verdure”), un gruppo musicale molto particolare che si procura gli strumenti tra le bancarelle del mercato.

Fondata a Vienna nel 1998, la Vegetable Orchestra si esibisce nei teatri di tutta Europa con strumenti ricavati esclusivamente da ortaggi. Ma attenzione a non scambiarli per buffoni: si tratta di una vera e propria orchestra formata da 11 serissimi membri, 1 tecnico del suono e 1 addetto ai video.

 

Prima di ogni performance, i musicisti (che no, non sono vegetariani!) si recano al mercato locale per scegliere accuratamente le verdure che, requisito indispensabile, devono essere freschissime. Poi, armati di coltelli affilati e trapani, iniziano la creazione degli strumenti (ecco il video in cui mostrano il procedimento). Alcuni ortaggi, come i pomodori, sono già pronti all’uso, altri invece necessitano di una lavorazione più lunga e complicata, come nel caso di carote o sedano.

Il suono prodotto da questi strumenti vegetali è sorprendente e le scelte musicali molto eterogenee: dalla elettronica dei Kraftwerk, alla musica classica e contemporanea, dal Free-jazz al Noise, anche se la maggior parte dei brani eseguiti sono composizioni originali.

  

Al pubblico, al termine di ogni concerto, viene offerta una deliziosa zuppa, preparata con ciò che rimane dalla lavorazione degli strumenti. Anche gli stessi strumenti vengono donati ai presenti in sala, insieme agli ortaggi non utilizzati. Tutto ciò che si è invece deteriorato, dall’uso o dal calore generato dalle luci del palco, finisce nella raccolta dei rifiuti organici.

La Vegetable Orchestra ha al suo attivo la pubblicazione di tre CD (Gemise, Automate e Onionoise – letteralmente “Suono delle Cipolle”)  e si esibisce in 20-30 concerti-live all’anno.

Volete sentire un assaggio di “musica orticola”? Eccone qualcuno da Onionoise 
Vi sembrerà incredibile che i suoni provengano da verdure…

Il sito dell’Orchestra vegetale: www.vegetableorchestra.org

Luisella Rosa

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “L’Orchestra vegetale e la sua musica “orticola”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *