I gioielli di verdura pressata di Margaret

Trasformare frutta e verdura in sottilissimi fogli non è certo una novità. Poco tempo fa vi avevamo parlato di un ristorante olandese che preparava le pietanze con lamine vegetali commestibili. Certo che, vista la bellezza del risultato, era proprio un peccato mangiarseli! Anche l’artista californiana Margaret Dorfman taglia, pressa ed essicca ortaggi e frutta di ogni genere ma ne conserva la bellezza trasformandoli in stupefacenti centrotavola e variopinti bijoux

Con un procedimento che dura 10-14 giorni, Margaret realizza a mano le sue Pergamene Vegetali (Vegetable Parchments ) così da lei chiamati perché i fogli traslucidi, che conservano i colori e le intricate strutture caratteristiche di ogni vegetale, le richiamano alla mente proprio le pergamene medievali. Ed ecco che, fetta dopo fetta, nascono degli splendidi centrotavola dalle forme sinuose e morbide che sono un invito ad osservare da vicino la bellezza della natura che troppo spesso diamo per scontata.



Ma Margaret è riuscita a trasformare le sue pergamene vegetali anche in bellissimi bijoux che ci consentono di indossare queste meraviglie vegetali, accoppiando i fogli di frutta e verdura a supporti di rame la cui lucentezza traspare attraverso le lamine conferendo all’oggetto la preziosità di un gioiello.

La Vegetable Parchment Jewellery comprende bracciali, orecchini e collane. I bracciali sono dei lineari cuff fatti con carote, zucchine ed esotici daikon, i ravanelli giganti bianchi (Raphanus sativus var. longipinnatus)  molto utilizzati nella cucina orientale. Gli orecchini sono dei semplici dischi ma anche delle originali coppie di boccioli che, sembra incredibile, sono realizzati con patate, cipolle rosse o angurie.

Molto particolari, pur nella loro semplicità, le collane che sono dei veri e propri mosaici vegetali da indossare. Ogni pezzo viene corredato da una “mappa” che consente di conoscere i vari componenti e la loro provenienza. Sempre attenta ad utilizzare vegetali freschi e di stagione, Margaret dona allo zoo locale quanto rimasto inutilizzato dal suo lavoro.

Qui il sito di Margaret Dorfman: http://margaretdorfman.com

Luisella Rosa

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *