Capperi siciliani? No… svizzeri!

Una decina di piante di cappero hanno fatto la loro comparsa ad Ascona e ne è stata registrata e certificata ufficialmente l’esistenza e l’ottima salute. Le piantine di Capparis spinosa crescono in terreno svizzero fra le fessure dei muri, come amano fare, incuranti del clima che però, va detto, da quelle parti è piuttosto mite.

Stupisce però pensare che si tratta di piante che amano vivere in ambienti molto caldi e secchi, come è quello di Pantelleria, continuamente battuti dal vento e lontani dalle basse temperature… Del resto non molto tempo fa mi sono imbattuta in annose piante di cappero rigogliose di fiori (e dei prelibati boccioli) che spuntavano nelle crepe delle murate di Bergamo Alta, e di sicuro da quelle parti d’inverno tanto caldo non fa! Non ci resta che sperare a breve nei capperi lombardi… 😀

Aggiornamento 16 agosto 2011
Ecco, proprio oggi ho trovato conferma che l’avanzata dei capperi in Lombardia è già cominciata. A partire da una terra di conquista a dir poco prestigiosa: nientemeno che le mura del Castello Sforzesco di Milano. Ne parla il blog MilanoLeggera scritto da Maspic

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Capperi siciliani? No… svizzeri!

  1. Pingback: Capperi siciliani? No… svizzeri! | BgUnder

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *