Super caldo, ortensie (e non solo) a rischio

Mentre alcune città corrono ai ripari, in molti spazi urbani le piante seccano per il caldo folle, abbandonate al loro triste destino. Le più a rischio sono quelle in vaso: le radici infatti non possono abbeverarsi da sole, strette nel loro contenitore, quindi dipendono interamente dalle nostre bagnature. Ma non sono solo loro quelle a rischio di sopravvivenza con queste temperature africane. Oltre a quelle molto giovani e quelle piantate da poco, che non arrivano ad abbeverarsi in profondità, sono le ortensie le piante più soggette a, letteralmente, morire di sete.

La crisi idrica per le ortensie è sempre dietro l’angolo nelle nostre città d’estate, propense come sono ai luoghi freschi e umidi. Ma questo caldo così intenso le mette alla prova più che mai, in vaso sì ma anche in terra: ci vogliono bagnature di soccorso per salvare questi stupendi arbusti che tanto ci regalano con le loro infiorescenze rosa, bianche e azzurre. 

La crisi idrica di un’ortensia è molto evidente, per fortuna. All’inizio, abbassa le foglie. Se l’aspetto dimesso non funziona e nessuno le annaffia, le ortensie cominceranno a seccare. Anche piantate in terra, le radici rimangono superficiali, non scendono molto in profondità e non riescono a supplire alla carenza d’acqua delle innaffiature. Quando la pianta non riuscirà più ad alimentare la sua chioma, le foglie morte cadranno e l’arbusto non riuscirà più a nutrirsi della luce solare. A quel punto l’ortensia sarà davvero compromessa e, se la situazione di siccità persiste, infine morirà. Con temperature come quelle attuali, un grande cespuglio può morire di sete in pochi giorni.

Le piante coltivate nei balconi o nei terrazzi spesso hanno proprietari amorevoli che subito reagiscono all’emergenza caldo. Non si può dire lo stesso per i condomini o le piante del demanio. Nei giardini condominiali spesso esiste l’impianto di irrigazione automatico o un’azienda incaricata della cura del verde: il problema è che gli effetti di questo super caldo sfuggono al normale ciclo di irrigazione previsto. Non solo per le ortensie ma anche per altri grandi cespugli. E spesso le persone incaricate non si rendono conto del problema. Bisogna quindi sollecitare energicamente coloro che se occupano, chiedendo ad amministratori e giardinieri delle bagnature di soccorso. Questo non solo per il benessere delle piante: se non bastasse la salute di esseri viventi che rendono bello il posto in cui viviamo, c’è da mettere in conto il danno estetico e l’esborso richiesto per sostituire gli esemplari morti. Molto meglio una telefonata che richiede il pronto intervento.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Super caldo, ortensie (e non solo) a rischio

  1. Buongiorno,

    quest’anno a maggio ho comprato una bellissima ortensia che ho subito piantato in giardino. All’inizio aveva un bellissimo colore azzuro/viola poi le foglie hanno cominciato a diventare rossastre e secche sulle punte e il colore dell’ortensia è cambiato diventando di un bruttissimo marroncino violetto….la pianta prende il sole dalle 2 alle 6 del pomeriggio, potrebbe essere troppo? Io comunque la bagno tutti i giorni…Oppure può essere stato il concime che le ho dato che l’ha ridotta così? Mi sono accorta che non era per piante acidofile ma un semplice concime granulare per piante fiorite…
    Vi ringrazio per la risposta e saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *