Topinambur, il fiore dell’autunno è giallo e sa di carciofo

Guardando fuori dalla finestra in questi giorni piovosi in cui il freddo è arrivato praticamente all’improvviso, non viene gran voglia di pensare ai fiori. Ma la natura non spreca nulla, e i giorni d’autunno riservano sorprese floreali che arrivano direttamente… dal supermercato! E’ infatti sui banchi delle verdure che spesso troviamo un fiore tipico di settembre e ottobre, un fiore che, sotto forma di tubero, ci mangiamo volentieri: il Topinambur
Giallo a ricordare il sole dell’estate che ci ha salutato da poco: è questo il colore dei capolini del Topinambur (Helianthus tuberosus) che, non per niente, vanta una stretta parentela con il girasole (Helianthus annuns). Il Topinambur però ha un plus in più: è un’erbacea perenne, vive dunque per molti anni. Si può coltivare anche in giardino (sì, anche seppellendo semplicemente i tuberi comprati al super!) e darà spettacolo per tutto l’autunno. Dominatrice incontrastata dei bordi dei campi e degli incolti, è facile vederla guidando sulle strade di campagna: i fiori che crescono sui forti steli (da 1 a 3 metri) svettano gioiosi, strappandoci un sorriso e destando la nostra ammirazione per il vigore di questa pianta indomita, che rinasce ogni anno più grande, e vive spesso solo della pioggia.

Perfetta dunque se avete uno spazio in giardino non troppo decorativo che volete ricco di fiori luminosi in questa stagione, oppure un angolo dell’orto in terra da schermare nella bella stagione con alte fronde verdi: solo, non chiedetele di essere ordinata: di carattere è esuberante! E dopo la fioritura in autunno, che succede? Facile, il Topinambur sparisce, ma non muore di certo. Sottoterra, il tubero riposa tranquillo incurante di freddo, gelo e neve, per rispuntare a primavera con nuovi germogli. Proprio quando inizia il suo letargo, è il momento giusto per portarlo… in padella! Infatti con lo svilupparsi della pianta, cresce anche il tubero: morti foglie e fusti, si può estrarlo dal terreno in inverno per usarlo in cucina: le ricette non mancano, dalla bagna-cauda tradizionale a tante altre golosità (incluse, per esempio le frittelle di topinambur: la ricetta è su Pronto in Tavola, il nostro blog di cucina: da provare!)… Una delizia per il suo sapore che ricorda da vicino il carciofo con una nota più dolce. Insomma, una pianta dalle mille opportunità, forte, bella e buona!

Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *