Non solo Stelle: ecco gli Amaryllis di Natale

A vederli sotto forma di enormi bulbi a cipolla, non sono molto attraenti, gli Amaryllis o Hippeastrum, ma quando fioriscono lasciano tutti a bocca aperta. I fiori giganti di un rosso che si sposa perfettamente con la festa li rende ideali per dare al nostro Natale un tocco fiorito tutto speciale. E per dare spettacolo, non chiedono particolari abilità e durano molti anni. Il bulbo di Amaryllis si compra in qualsiasi garden: viene venduto nudo da piantare, ma se volete le cose più semplici, è disponibile quello già coltivato in un vasetto di plastica con il fiore (anzi, i fiori) praticamente assicurato. Queste piante infatti mostrano già al momento dell’acquisto il grosso stelo floreale in uno stadio di formazione avanzato. Possiamo acquistarne anche due o tre esemplari e piantarli in una ciotola bassa e larga: la fioritura sarà ancora più spettacolare! Ecco poi come coltivarli…


COME FAR FIORIRE L’AMARYLLIS DI NATALE
Una volta acquistato l’Amaryllis in vaso, basterà metterlo ben esposto alla luce in un coprivaso decorativo (e pesante, per evitare capovolgimenti quando fiorirà), bagnarlo con molta molta parsimonia (consideratelo una pianta grassa!) buttando sempre via l’acqua che rimane sul fondo e, in tempo per le feste, avrete un gruppo di 3, 4, fino a 8 strepitosi, grandissimi fiori rossi, rosa o bianchi (ma anche stellati, bordati, persino doppi!), a seconda della varietà che avrete scelto, per stelo. I fiori durano a lungo e contribuiscono, con la loro eleganza, a dare alla casa un’aria festosa mentre fuori imperano grigio, neve e gelo. Volendo, se preferite usarli per decorare la tavola della cena o del pranzo natalizio, potete reciderli tenendo una parte dello stelo mettendoli in acqua o arrangiandoli nella spugna per fioristi: successone assicurato! Se invece pianterete 2 o 3 bulbi in una larga ciotola, metteteli molto accostati ma in modo che non si tocchino, per evitare marciumi.

COME SCEGLIERE UN AMARYLLIS

AMARYLLIS IN VASO
Scegliete il bulbo più grosso che trovate: questo perché i fiori saranno grandi in proporzione alla vigoria del bulbo che li nutre. Gli steli, se già visibili, dovranno essere turgidi e forti, senza danneggiamenti e rotture e i boccioli ben chiusi e gonfi. In caso di amaryllis che non hanno ancora lo stelo in crescita, fate caso alla superficie tagliata: optate per i bulbi in cui si intravvede già la punta degli steli floreali e scegliete quelli che ne portano due. Avrete una fioritura più ricca.

BULBI DI AMARYLLIS SFUSI
Se volete acquistare un bulbo sfuso da piantare, fate attenzione che non abbia macchie rosso scuro o nere. Prendetelo in mano e assicuratevi che sia piuttosto pesante e che i tessuti non abbiano una consistenza cedevole o molliccia ma che siano ben tesi e forti. Non fate caso alle radici, nella maggior parte dei casi sono secche e inutili: il bulbo comincerà a produrle solo al termine della fioritura, quando inizierà a far crescere le foglie.

DOPO LA FIORITURA
Quando i fiori appassiranno, tagliateli all’altezza del peduncolo ma lasciate intatto lo stelo e tenete la pianta in un luogo luminoso in casa. Le foglie cresceranno molto lentamente nei mesi invernali: quando lo stelo comincerà ad ingiallire, potrete tagliarlo e, a primavera, dopo le gelate, portare l’amaryllis fuori concimandolo regolarmente: crescerà felice in vaso sul balcone o sul terrazzo, rifiorendo ogni anno.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Non solo Stelle: ecco gli Amaryllis di Natale

  1. Sarebbe opportuno indicare la specie, es. A. bagnoldii – A. belladonna – A. condemaita – A. paradisicula, per capire di quale fiore si tratta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *