Natale low-cost: risparmiare il 75% sulle luminarie

Per voi il Natale deve essere tutto luci e sfavillii? Allora attenti ai consumi, che possono essere tutt’altro che trascurabili, considerato che le luminarie vengono tenute accese spesso per 24 ore su 24. Basta pensare che anche un innocente addobbo luminoso ad incandescenza può consumare 10-15 watt per metro lineare… e con un metro ci fate veramente poco! Ecco quindi alcuni consigli di buon senso dell’Ing. Ballarini per non rinunciare a feste scintillanti senza far impazzire il contatore

1) Usate addobbi a LED, non ad incandescenza.
Vale lo stesso principio delle lampadine a risparmio energetico: una luce a led consuma meno di 1/4 di una ad incandescenza a parità di luminosità. Acquistate solo luminarie che indicano chiaramente sulla confezione che si tratta di luci a LED.

2) Usate un timer per spegnerle quando non servono.
E’ perfettamente inutile tenere le luminarie accese di giorno quando c’è luce naturale o a notte fonda quando nessuno le guarda o possono addirittura dare fastidio. Teniamo accese le luci per 6 ore al giorno (es. dalle 18.00 alle 24.00), invece che ininterrottamente. Risparmieremo pur godendocele appieno.

Un po’ di buon senso: non comprate un timer apposta se avete un piccolo albero di Natale illuminato a LED. Un timer nuovo vi costerebbe molto di più del risparmio.

3) Meglio l’intermittenza.
Di solito non ci si pensa ma in fondo anche questo è ovvio. Una ghirlanda luminosa intermittente consuma molto meno di una che viene tenuta accesa in continuo. Del resto è il principio adottato dai molti segnali stradali lampeggianti autoalimentati, che durano mesi o anni con una piccola batteria.

UN OCCHIO ALLA SICUREZZA
Qualche nota sulla sicurezza: usate in esterno solo luci appositamente dichiarate per esterni, non lasciate prese, prolunghe e multiple esposte alle intemperie o accessibili a bambini e animali, evitate precarie costruzioni di multiple e adattatori ma utilizzate piuttosto ciabatte multipasso.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *