Arriva l’extravergine buono per le ossa

Grazie all’aggiunta di vitamina D, questo particolare olio extravergine d’oliva sarà consigliato a chi soffre di osteoporosi. Il numero potenziale di clienti per questo alimento? Quattro milioni e mezzo di italiani, e il trend rischia di essere in aumento visto l’allungamento dell’aspettativa di vita. Presentato a Napoli, l’olio extravergine di oliva arricchito con la vitamina D mira a prevenire la fragilità nelle ossa.

Il progetto, condotto dalla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’università Federico II di Napoli in collaborazione con gli oleifici Mataluni di Montesarchio (Benevento) è stato presentato nel corso del III workshop della Rete degli endocrinologi della Campania. La carenza di vitamina D è infatti tra le principali cause dell’osteoporosi, una malattia scheletrica che porta all’aumento della fragilità ossea e a un maggiore rischio di fratture, argomenti di grande attualità in Italia: siamo infatti la nazione europea con la maggiore percentuale di ultrasessantacinquenni (18,3%).

”Per combattere l’osteoporosi – spiega la ricercatrice Annamaria Colao – bisogna assumere più vitamina D ma l’alimento più ricco di questa vitamina è l’olio di fegato di merluzzo, il cui sapore non piace ai più. L’altro alimento ricco di questa vitamina è il salmone che però non è proprio quotidianamente sulle nostre tavole. Per questo abbiamo pensato di sfruttare l’olio extravergine d’oliva Dop, aggiungendo la vitamina D, così contiamo di raggiungere le tavole di tutti gli italiani”.

Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *