Sale anti-ghiaccio? Uccide gli alberi di città

Basta guardare un telegiornale: uomini dotati di grosse pale scaraventano dai camion chili e chili di sale contro il ghiaccio. Strade, marciapiedi, aiuole spartitraffico. L’importante è buttare tutto il sale possibile, e più se ne butta e meglio è. Anche le amministrazioni comunali la pensano così. Basta dare un’occhiata ai loro comunicati: le tonnellate di sale anti-ghiaccio sparse nelle strade sono motivo di orgoglio, attestano l’impegno per i cittadini.

Tutto vero, ma c’è un’informazione che invece viene molto meno diffusa e non gode di altrettanta popolarità: l’effetto di tutto quel sale sull’ambiente, in particolare sugli alberi delle città. Fiori&Foglie ha indagato, girando le sue domande a Giovanni Poletti, uno che degli alberi ha fatto il suo mestiere (www.docgreen.it), agronomo esperto di alberature urbane e stabilità degli alberi. Le sue risposte non possono che destare allarme…

L’agronomo Giovanni Poletti

Giovanni, che effetti ha il sale anti-ghiaccio sulle piante?
Beh, Daniela, è facile da capire: il sale ha un effetto diserbante. Che significa che non uccide solo l’erba, ma tutto ciò che è vita vegetale, alberi compresi. Basti pensare che quando i Romani rasero al suolo la città di Cartagine, per rendere completa la distruzione, sparsero sale sui campi, in modo che non potessero più essere coltivati.

Nello specifico il sale impatta in tre maniere sull’ambiente:
– uccide le piante
– danneggia il terreno distruggendone la struttura ed eliminando microfauna e microflora
– dilavato dalle piogge, il sale finisce nella falda, inquinandola: l’arricchisce infatti con elementi che non dovrebbero essere presenti

Che danno può creare il sale anti-gelo sugli alberi?
Se la concentrazione è forte, secca una parte della chioma e poi tutto l’albero. Il sale indebolisce le alberature e si unisce a tutti quei fattori che incidono negativamente sulla salute degli alberi di città. Si tratta di piante già di per sè a rischio, perché crescono in un ambiente inquinato, per sua natura ostile alla vita vegetale. L’indebolimento rende perciò l’albero più prono alle malattie e meno reattivo nel combatterle.

Giovanni, cosa si può fare per contrastare questi effetti così negativi?
E’ la quantità di sale sparso il punto centrale della questione: più cresce la concentrazione di sale nel terreno, e più crea problemi agli alberi. Pensa che per un’efficace azione anti-ghiaccio sulle strade basterebbero 10, 20, 30 grammi di sale al mq, ma in alcuni comuni se ne spargono anche 400 grammi al metro quadrato, un’enormità! La quantità di tonnellate di sale anti-gelo è diventata un vanto, più se ne butta e meglio è… Ma il problema è che dopo l’emergenza, il sale non sparisce: si accumula, viene trasportato dalle piogge, si concentra in alcuni punti del terreno, finisce negli scarichi delle fogne e da lì ai depuratori, che non sono certo dotati di dissalatori nelle grandi città italiane del nord. Impatta anche sulle strutture di cemento armato. Il sale infatti è corrosivo per i metalli: basta guardare gli elementi di un porto, tutti corrosi dall’acqua salata del mare.

Di questi terribili effetti del sale anti-ghiaccio nessuno parla, però. Perché, secondo te?
Perché per le amministrazioni comunali è un punto d’onore spargere più sale possibile: in questo modo mostrano di avere a cuore la sicurezza dei cittadini. Accolgono male qualunque critica sull’argomento. Inoltre i cittadini stessi sono quelli che per primi si allarmano, anche prima che il gelo effettivamente ci sia, bersagliando con decine di telefonate gli enti preposti. La questione è spinosa, quindi si preferisce non affrontarla.

Contrastare il gelo ha senso, certo, ma il problema è la maniera in cui lo si fa. Spargere sale su strade asciutte non serve: il ghiaccio si forma dove è bagnato ed è lì che diventa pericoloso. Non serve buttarlo sulla neve. E spargerlo in quantità spropositate, con passaggi ripetuti, senza pensare alle conseguenze per gli alberi non va bene: ha poco senso poi affannarsi a rinverdire la città con grandi campagne pubblicitarie piantando centinaia di nuovi esemplari, se non ci si preoccupa di quelli che ci sono già.

Share on Facebook0Share on Google+2Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

6 risposte a “Sale anti-ghiaccio? Uccide gli alberi di città

  1. Pingback: doc green » Blog Archive » TGCOM24 “Fiori e Foglie” intervista Giovanni Poletti

  2. Immaginavo che per flora e fauna il sale antighiaccio non fosse un toccasana ma dopo aver percorso giornalmente un tratto autostradale durante il periodo del ghiaccio domando:è possibile che si possa rimanere intossicati dal sale antighiaccio asciutto ed alzato dai pneumatici degli autoveicoli ? Chiedo visto che dopo otto giorni di riposo assoluto e sciroppi vari ho sempre una brutta tosse e sempre il gusto di quel sale in bocca. Salva.

  3. Non solo non è un toccasana ma è proprio un veleno..tra l’altro, una volta sparso è sparso…e finisce sempre nel terreno, purtroppo. personalmente credo valga la pena accettare un pò di neve sulle starade (ribadisco, UN PO’) visto che la sua presenza o assenza nulla a che vedere con la pulizia preventiva fatta con lame o spazzaneve. Siamo diventati intolleranti al caldo, al freddo, alla neve, alla pioggia, alla nebbia….a qualunque manifestazione metereologica solo in base ai propri gusti personali o alle personali esigenze. Cosi non può funzionare…

  4. Siete solo dei poveri italioti polemici fanatici e malati mentali !
    Curatevi !
    Il quantitativo di sale normalmente sparso sulle strade italiane per sciogliere la neve ed evitare che si formi ghiaccio è irrisorio !
    Una manciata di sale mescolato con sabbia sparso su qualche strada per un paio di volte durante il periodo invernale non può uccidere nemmeno un filo d” erba .
    Il sale viene sparso sulle strade italiane cosi di rado che è impossibile che faccia un qualsivoglia danno .
    1) Sono molto poche le strade in Italia dove viene sparso sale !
    2) Il sale viene sparso al massimo su queste poche strade solo per 1 paio di volte !
    3) Spesso gli enti pubblici italiani se spargono un po’ di sale sulle strade italiane poi restano senza sale in magazzino e ci vogliono minimo 6 mesi perché si riforniscano i magazzini di sale !
    4)Solo qualche piccolo comune di montagna efficiente e ben organizzato sparge sale e sabbia sulle sue strade con una certa regolarità è dispone di magazzini capienti sempre pieni di sale e sabbia .
    Un po’ di sale sparso per strada non inquina le falde acquifere né uccide insetti o animali !
    Un po’ di sale sparso per strada non può uccidere nessun albero !
    Per uccidere un albero con il sale ci dovresti buttare attorno al “albero 40-80 kg di sale (forse muore ma né dubito molto ).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *