Scoperta la Pompei vegetale

Abbiamo appena parlato della “resurrezione” di un fiore estinto, che subito arriva una notizia di portata ancora maggiore: stavolta coinvolge una foresta intera. E’ la Pompei vegetale, un’antica foresta di 300 milioni di anni fa, nel cuore della Mongolia che, come la città vesuviana, è stata sepolta da un’eruzione vulcanica. Tronchi, rami e foglie sono dunque stati rinvenuti intatti, esattamente come erano al momento della morte delle piante.

La scoperta, annunciata sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas), si deve a un gruppo internazionale coordinato da Jun Wang, dell’Accademia Cinese delle Scienze. Secondo gli autori la foresta fossile potrebbe aiutare a comprendere gli antichi ecosistemi con le specie vegetali estinte che la popolavano e persino gli effetti dei cambiamenti climatici sulla vegetazione attuale.

Grazie ai fossili i ricercatori sono riusciti a ricostruire circa mille metri quadrati della foresta. Il sito, sottolineano gli autori dello studio, è unico in quanto fornisce una sorta di fotografia istantanea dell’antica foresta perché la cenere vulcanica ha coperto la vegetazione nel corso di pochi giorni e le piante sono state conservate come sono cadute, in molti casi, nei luoghi esatti in cui sono cresciute. Sono stati identificati sei gruppi di piante, tra cui conifere e felci e una specie estinta di piccoli alberi chiamati “noeggeratiali”. La foresta era costituita da piante più basse come le felci arboree, che costituivano una sorta di primo livello della foresta, e da alberi alti fino a 24 metri come la Sigillaria, un curioso albero primitivo ora estinto dal fusto sottile e dalla chioma formata da pochi rami, e la Cordaites, un’antica conifera anch’essa estinta. Molti alberi sono stati trovati ancora con rami, foglie, tronco e coni intatti, conservati nella loro interezza.

La foresta “si è conservata perfettamente” ha spiegato uno degli autori, il paleobotanico Hermann Pfefferkorn dell’università della Pennsylvania. ”Possiamo individuare un ramo con le foglie ancora attaccate, e poi troviamo il prossimo ramo e il ramo successivo e anche il tronco dello stesso albero”. Lo strato di cenere sotto il quale era sepolta la foresta è datato a circa 298 milioni di anni fa, all’inizio del periodo geologico chiamato Permiano. In quell’epoca le placche continentali erano ancora in movimento le une verso le altro per formare il supercontinente Pangea. Nord America ed Europa era fusi insieme e la Cina e attuale Mongolia si trovavano dove oggi c’è l’Equatore.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Scoperta la Pompei vegetale

  1. Importantissima scoperta, nacque dall’intuizione di Kunt lo studio sui fossili vegetali. Speriamo che lo studio abbia importanti conseguenze per l’uomo, anche per capire la sua nascita ed evoluzione. Grazie per l’articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *