Giornata mondiale dell’acqua: e noi con le piante che possiamo fare?

E’ una bella giornata per riflettere sull’acqua: perché fa caldo e pensare alla sua freschezza mi fa sentire bene. Fa parte di quei beni che abbiamo a disposizione, da questa parte del mondo, così comodamente da darli per scontato. L’acqua è il motore della vita sulla terra. Eppure non le diamo il minimo valore: basti pensare che, per lo sciacquone, utilizziamo acqua potabile. Tonnellate e tonnellate di litri d’acqua pulita da bere letteralmente buttati. Ma c’è qualcosa che possiamo fare nel nostro piccolo per non sprecarla, per esempio quando la usiamo per annaffiare piante e fiori? Qualcosa sì, che peraltro ci facilita pure la vita. Per il balcone, soprattutto quello molto esposto al sole, facciamo un acquisto intelligente: i vasi a riserva d’acqua.

Cosa sono i vasi a riserva d’acqua e come funzionano?
Sono vasi o fioriere che, al posto di un normale sottovaso, hanno un contenitore dove l’acqua si accumula. Esistono anche sotto forma di cassette per i gerani, molto simili a quelle classiche. In genere sono dotati di uno spioncino da cui si può capire il livello dell’acqua. Sono un pochino più cari dei vasi normali ma ci aiutano ad evitare di annaffiare continuamente senza capire esattamente quanta acqua stiamo usando. Quella poca “riserva” farà da bacino raccoglitore e aiuterà il terreno a mantenere un poco di umidità in più, evitando crisi idriche alla pianta nel vaso, che sarà così più autonoma. Quando sarà asciutta, ci basterà ripristinarla, senza sprechi. Che aspettate? E’ il momento giusto per comprare i vasi nuovi! 😉

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Giornata mondiale dell’acqua: e noi con le piante che possiamo fare?

  1. Un metodo alternativo di rinvaso contempla l’utilizzo di una compressa sigillata in materiale filtrante (tessuto non tessuto), che contiene a proprio interno tutto il necessario per il sostentamento e drenaggio delle piante ornamentali. Per il corretto utilizzo è necessario immergere il dispositivo in acqua e attendere almeno 40 minuti, per dare tempo ai cristalli di poliacrilamide, contenuti all’interno dell’involucro, di espandersi completamente. A questo punto inserirlo nel vaso di diametro adatto e completare il rinvaso nel modo consueto.

    Il vantaggio derivante dall’adozione di questo sistema garantisce una ridotta necessità di manutenzione, grazie alla capacità del gel superassorbente di accumulare una grande quantità d’acqua in forma liofilizzata (sino a 450 volte il proprio peso in acqua). Il fertilizzante a lento rilascio, contenuto all’interno dell’involucro, garantisce anche il corretto apporto di sostanze nutritive alle piante, in grado di coprire l’intero fabbisogno annuale. Secondo le indicazioni fornite dal produttore, il sistema è inoltre in grado di assicurare il corretto drenaggio del pane di terra, evitando marcescenze dell’apparato radicale.
    http://it.m.wikipedia.org/wiki/Pianta_ornamentale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *