Abiti floreali, come scegliere quelli giusti

I fashion trend cambiano, ma ogni anno puntualmente gli abiti a stampa floreale si ripresentano in molte collezioni. I patterns ispirati alla natura sono certamente appropriati alla primavera, oltre ad essere molto femminili: rose, margherite, mimose, fiori di campo o esotiche orchidee sbocciano sugli abiti come da affascinanti erbari: ogni stilista ci propone la sua personale interpretazione del flower power. Splendidi abiti en fleur indossati da altrettanto splendide modelle catturano perciò inevitabilmente il nostro sguardo sulle riviste patinate, ma il dubbio che questi outfit favolosi producano lo stesso mirabile effetto anche su di noi sorge spontaneo…

Per prima cosa facciamocene una ragione: queste modelle sarebbero favolose anche con indosso un sacco della spazzatura 😀 Questo però non significa che il trend floreale non faccia per noi, basta solo conoscere i trucchi e gli accorgimenti che ci consentano di indossarlo con soddisfazione e disinvoltura 😉 Scopriamo allora insieme qual è il fiore più adatto a noi…

Per scegliere il miglior outfit floreale, per prima cosa dobbiamo scegliere la giusta dimensione dei fiori.

In generale, le stampe a fiori grandi sono le più difficili da indossare perchè sono quelle che più attirano l’attenzione e tendono ad ingrossare: quindi se ad esempio abbiamo fianchi ‘importanti‘, dovremo evitare le gonne a fiori macro, perfetti invece per un top o una camicia, perchè distoglieranno lo sguardo dai punti critici per portarlo sulla parte alta del corpo.

All’opposto, se siamo senza curve, un abito a fiori grandi ci farà apparire sicuramente più ‘in carne’, specialmente se lo sceglieremo con larghi spazi tra i fiori e colori a contrasto tra la stampa e lo sfondo. Le stampe a fiori piccoli con spazi regolari e colori non contrastanti saranno d’aiuto invece ad uniformare, minimizzando i difetti.

Una cintura o una fascia di tessuto nera o in un colore scuro intonato alle tinte dei fiori, metterà invece in risalto la vita, facendola sembrare al contempo più sottile.

Gli abiti floreali più facili da indossare sono sicuramente quelli dove fiori e sfondo sono in colori simili e non contrastanti o in leggere tinte acquarellate.

Anche la nostra altezza influenzerà la scelta dei fiori.

Se siamo piccole di statura, i fiori molto grandi ci faranno sembrare ancora più basse mentre se siamo alte li potremo tranquillamente indossare senza problemi.

E’ molto importante poi anche la scelta del tessuto e di un taglio adatto al nostro corpo: linee morbide e stoffe che scivolano leggere permettono anche alle donne curvy di indossare abiti a fiori, presenti infatti anche nelle collezioni di Elena Mirò, Luisa Viola e Marina Rinaldi.
Se pensiamo che una stampa floreale multicolore sia troppo appariscente per noi, possiamo invece optare per un monocromatico abito di pizzo a fiori, come quelli proposti per la primavera/estate 2012 anche da Miu Miu, Francesco Scognamiglio, Dolce & Gabbana, in un gioco di trasparenze rétro-chic estremamente ricercato.

Un abito floreale è di per sè un elemento visivamente importante e, di conseguenza, gli accessori che lo accompagneranno saranno minimali per evitare di sovraccaricare l’insieme. Viceversa, potremo utilizzare degli accessori a fiori come protagonisti, per dare personalità ad un look basico. Una leggera sciarpa fiorata in chiffon o seta, oppure una bella borsa a petali tridimensionali, o una collana in resina leggera, sapranno dare carattere ad un outfit un po’ anonimo.

Vi ho convinto? Coraggio allora, vestiamoci di fiori!

Luisella Rosa

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Abiti floreali, come scegliere quelli giusti

  1. Opinione maschile, se posso : in questa società è molto importante l’aspetto esteriore , invece che la persona è da quì che dobbiamo partire nel modo giusto dicendo che non importa come sei chi sei e come sei fatto, l’importanta e come un individuo si senta con se stesso. Almeno questo è il mio pensiero poi ognuno è libero di dire la sua. grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *