Dieci candidati per il parco più bello del 2012

Sono dieci i finalisti del concorso II parco più bello d’Italia organizzato da Briggs&Stratton con il patrocinio del Ministero per i beni e le attività culturali, del Fai, Fondo Ambiente Italiano e dell’Aiapp, Associazione italiana architettura del paesaggio. Entro l’estate 2012 dovrebbe essere proclamato il vincitore.  Ecco quali giardini si sfideranno per il prestigioso premio, quest’anno…

Dieci stupende località dove dominano la bellezza della natura unita all’amore per il bello e alla storia dell’uomo: questa è la caratteristica in comune tra i candidati per il premio del parco più bello d’Italia. Anche se solo uno sarà il vincitore, vale sicuramente la pena di conoscerli e soprattutto di visitarli. Eccoli nel dettaglio dunque: a voi la scelta!

Il giardino di Villa Melzi d’Eril a Bellagio si snoda lungo il Lago di Como e presenta alberi secolari, azalee, rododendri e specie esotiche in un percorso costellato di sculture di gusto classico con un laghetto circondato da rare varietà di aceri giapponesi.

A Chianciano  Terme in provincia di Siena c’è il giardino di Villa La Foce, dei Marchesi Origo, con i suoi terrazzi colmi di limoni, rose, siepi di bosso e alloro, in un’atmosfera di concerti e mostre d’arte nel cuore della Toscana più dolce.

A Capri uno dei giardini più panoramici, quello di Villa San Michele, dalla straordinaria veduta sul Golfo di Napoli: l’estroso percorso porta il visitatore ad passeggiare tra statue ricoperte di rampicanti e antichi marmi fitti di muschio, tutti simboli della vita e dei ricordi del proprietario, il Dr Axel Munthe.

Villa Imperiale a Pesaro è un’antica dimora all’interno del Parco Naturale del Colle San Bartolo: due i nuclei abitativi, uno risalente agli Sforza e l’altro ai Della Rovere. A decorare la villa, i numerosi affreschi e il parco con i suoi terrazzamenti popolati da logge e cortili.

Il Giardino di Villa Durazzo Pallavicini, a Genova, è considerato una tra le più alte espressioni di giardino romantico ottocentesco, ricco di sentieri contornati da architetture neoclassiche di stile neo-gotico o rustiche, palme, piante esotiche, lecci, allori e numerosi esemplari rari di vegetali.

Il Vittoriale degli Italiani, a Gardone Riviera sul Lago di Garda, è un complesso di edifici, vie, piazze, teatri, giardini e corsi d’acqua eretto a memoria di Gabriele d’Annunzio e delle imprese degli italiani durante la Grande Guerra. Occupa 9 ettari di terreno di cui sono parte integrante i Giardini Privati, i sentieri delle limonaie e il frutteto.

Il Parco del Castello di Miramare, affacciato sul golfo di Trieste occupa i 22 ettari che circondano il castello ed è caratterizzato da una grande varietà di piante: nella zona est prevalgono i dettami romantici del giardino paesaggistico inglese con alberi alternati a spazi erbosi, sentieri tortuosi, gazebi e laghetti, mentre la zona sud ovest, protetta dal vento, accoglie aree che seguono l’architettura del giardino all’italiana.

I Giardini della Villa Medicea di Castello, nella zona collinare di Firenze, oggi sede dell’Accademia della Crusca, si estendono su tre terrazze digradanti racchiuse entro le alte mura perimetrali della Villa: la prima terrazza è caratterizzata da 16 aiuole quadrate al cui centro si trova una bella fontana, mentre due limonaie delimitano i lati della seconda terrazza conosciuta come il “giardino degli agrumi”.

Il Giardino di Ninfa a Latina segue lo stile romantico tipicamente anglosassone, guidato soprattutto da sensibilità e sentimento, ed ha un indirizzo libero, informale, senza una geometria stabilita.

Il Giardino della Kolymbetra, nel Parco della Valle dei Templi di Agrigento riassume nei suoi cinque ettari il paesaggio agrario e naturale della Valle dei Templi: nelle zone più scoscese si trovano lembi intatti di macchia mediterranea, nel torrente che solca il fondovalle ci sono pioppi, salici e tamerici, sugli ampi terrazzamenti, compresi tra suggestive ed alte pareti di calcarenite, un antico agrumeto ricco di tante specie e varietà ormai rare, coltivato secondo le tecniche della tradizione araba.

Il vincitore del Concorso il Parco più bello d’Italia 2010 è stato il Castello di Racconigi mentre nel 2011 è stata Villa Lante a Bagnaia, vicino a Viterbo, ad essere premiata. E voi, quale pensate che sia il Parco più bello d’Italia del 2012?

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *