Orto sul balcone: i ravanelli? Pronti in un mese

Se dovete iniziare da qualche parte il vostro orto in vaso, iniziate dai ravanelli. Perché sono gli ortaggi che danno più soddisfazione perché crescono velocissimi, e quelli più facili da piazzare sul balcone o in terrazzo. Del ravanello poi non si butta via proprio niente: noi in genere mangiamo la radice che, crescendo sottoterra, si ingrossa fino a creare una pallina dal sapore fresco e piccantino molto gradevole, perfetta da mangiare affettata nelle insalate estive. Ma del ravanello possiamo mangiare anche le foglie, passate in padella oppure fresche, mischiate all’insalata!  Un ortaggio davvero facile da coltivare in piccoli spazi e indicatissimo per dare il via alle nostre prime esperienze in fatto di coltivazione orticola. Ecco dunque come fare…

RAVANELLI IN VASO
Per coltivare i ravanelli (Raphanus sativus), basta un angolino qualsiasi anche in un’ampia fioriera dove avete già piantato un arbusto. A distanza dal fusto, (in modo che li raggiunga il sole e possano nutrirsi bene) ecco proprio lì dove non sapete cosa mettere, lì ci possono andare i ravanelli. Altrimenti, se volete essere certi di ottenere radici grosse e corpose, procuratevi un vaso basso e largo, profondo almeno 20 centimetri: sarà una “casa” ideale. Riempite il vaso con un misto di terriccio universale e stallatico (si trovano comunemente nei garden): se invece usate terra di risulta o da giardino, ricordate di evitare sassi e pietruzze. La radice infatti, per allungarsi e crescere al meglio, deve trovare lo spazio sgombro da ostacoli. Di ravanelli ce ne sono di tanti tipi, con colori diversi.

SEMINARE I RAVANELLI
I semi di ravanello si trovano nei garden in bustina. Per seminarli in vaso o in una fioriera, basta tracciare con un dito dei solchi paralleli profondi circa mezzo centimetro e spargerli lungo di essi. Sono piccoli, quindi per seminarli senza rovesciarli tutti nella stessa area, l’ideale è mischiarli con un pugno di sabbia, così che si distribuiranno in modo uniforme. Poi prendete un pugno di terriccio e spargetelo sopra i solchi, in modo da coprire bene i semi, e annaffiate a spruzzo, per non spostarli. Inizieranno a crescere da subito, soprattutto se il clima è fresco (se fa molto caldo, collocate il vaso a nord, o ombreggiato da una pianta più grande). E con tutta probabilità cresceranno troppe piantine una attaccata all’altra: stringete il cuore in mano ed eliminate (o spostate in un altro vaso!) le altre. Siate decisi e collocatele in modo che siano ben spaziate, altrimenti la radice non si svilupperà, rimanendo filiforme, dandovi un ben “magro” raccolto!

QUANDO RACCOGLIERE I RAVANELLI
I ravanelli vanno bagnati regolarmente perché hanno bisogno di acqua per ingrossarsi: se patiranno il secco, diventeranno duri e legnosi. Si raccolgono quando, sotto alle foglie, si comincia ad intravvedere la sommità colorata della radice. Per controllare se sono abbastanza grossi, l’unico modo è estirparne uno e verificare le dimensioni: potete cominciare a farlo dopo circa 3 settimane dalla semina. Tente conto che le foglie devono essere belle verdi e ben sviluppate. Non aspettate troppo però, altrimenti la radice tenderà a fessurarsi e a perdere sapore: inoltre la pianta tenderà a fiorire, consumando tutte le energie conservate nella radice. Piuttosto raccoglieteli tutti e, di quelli troppo esili, mangiate le foglie. E poi ripartite con un’altra semina, tanto avrete un altro raccolto il mese dopo! In frigo potete conservarli a lungo nel cassetto delle verdure tagliando le foglie.

Share on Facebook0Share on Google+2Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

9 risposte a “Orto sul balcone: i ravanelli? Pronti in un mese

  1. Una bella famiglia del cavolo.

    Ma anche delle rape, della senape.. il genere brassica e’ veramente una grande famiglia. Si mangia tutto, semi, foglie, radici, fiori. E spesso e’ tutto bellissimo, gemoetrie incredibili, colori pazzeschi esplosioni di fiori che illuminano tutto… sono sono bellissime e altamente ornamentali oltre che altamente golose, e spesso restano belle anche con il freddo. Ogni regione, ogni nazione ha le sue varieta’ e non ci immaginiamo neanche che siano tutte parenti. Effettivamente delle piante che sanno fare cosi’ tante cose e si adattano cosi’ bene sono proprio adatte per quel poco spazio che possiamo dedicare a un orto sul balcone.

  2. Salve a tutte!!! Anche quest’anno ho piantato i ravanelli (l’altro anno era stato un vero fiasco…). Con mia grossa sorpresa le piante stavolta sono diventate altissime e hanno fiorito. Inoltre si sono formate delle palline verdi dove prima c’erano i fiori. Visto che non me ne intendo ancora molto, sapete dirmi cosa sono quelle palline e se possono essere utilizzate in qualche modo? Grazie a tutte!

    • Ciao Sara,
      i tuoi ravanelli stanno giustamente producendo i semi, che matureranno nelle capsule nate dalla fecondazione dei fiori. Si concluderà così il loro ciclo vegetativo. Una volta che le capsule seccheranno, potrai raccoglierli e seminarli per avere nuove piantine.

  3. Sono un’insegnante di una scuola dell’infanzia comunale. Quest’anno mi sono imbarcata in un progetto ambientale in cui è previsto la costruzione di un orto. Visto che la mia sezione è adiacente ad un fazzolettino di terra (4×3) incolto, ho coinvolto un nonno che mi ha aiutato ad estirpare erbacce ed a costruire delle aiuole. Con i bambini di 3 e 5 anni abbiamo piantato tantissime cose patate, carote,zucchine e anche ravanelli. Quest’ultimi ci hanno dato grandissima soddisfazione infatti sono cresciuti tantissimo e anche i bimbi non vedono l’ora di potersela portare a casa. Grazie per le notizie e i consigli che postate per me sono di grande aiuto.

    • Letizia,
      prima di tutto complimenti per il tuo progetto ambientale: non sono mai imprese facili.
      Il lato migliore è la soddisfazione che ti danno i bambini, in tema di orto di solito più entusiasti e ricettivi dei grandi 😉
      Quest’anno ho in mente di parlare molto di orto su Fiori&Foglie: continua a seguirci!

  4. Grazie moltissimo… sono appassionatissimo per le piante e grazie a questi consigli i miei ravanelli sono cresciuti veramente bene ed erano molto buoni… Io ho solo 14 anni e spero di diventare davvero un coltivatore scelto. Grazie di tutto… ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *