E negli orti è caccia al pomodoro gigante

Ormai è diventata una gara: gli appassionati ortisti, nei loro piccoli appezzamenti di terra, vanno a caccia di record. Altro che zucche, il sacro Graal si chiama pomodoro gigante. E  il fuoco della sfida ha incendiato le zappe di tutto lo Stivale. Ma sembra li polverizzi tutti, i record, il pomodoro di cui ha parlato La Stampa: di forma toroidale pesava ben un chilo e mezzo il pomodoro raccolto da Vittorio Odasso nel suo orto di Ceva. Più grande persino dell’ultimo record annunciato fino ad ora di cui riferisce Il Tirreno,  quello dell’azienda agricola Zeggio di Capanne (Montopoli Val d’Arno): con il suo maxi pomodoro qualità “bistecca”, l’ago della bilancia si era fermato ad un corposo chilo e 372 grammi, tutti rigorosamente “bio”, assicurano.

Poco sotto si piazza il pomodoro della famiglia Panichi di Vicopisano: 1,290 chilogrammi di peso per un diametro di 14,5 centimetri. Un più classico “Cuore di Bue” è stato coltivato con grande successo da Venanzio Rante di Monte Olimpino che dichiara con orgoglio alla Provincia di Como: “Il mio arriva quasi a un chilo e 70 grammi. Ho dovuto mettere i legnetti per tenerlo sospeso o cadeva e si rompeva”. Dall’agenzia Ansa, arriva la notizia che nelle Marche è stato raccolto un pomodoro da 800 grammi, praticamente quasi un chilo a Porto San Giorgio, in provincia di Fermo, del tipo comunemente detto “a borsetta”.

Maxi ortaggi sì, ma non solo. Che ne dite del super girasole cresciuto da Nicola Trigiani di San Frediano a Settimo (Cascina) per, dai che tenero! – dare semi al suo pappagallo? Alto ben quattro metri e 7 centimetri.

Insomma, la sfida al pomodoro da record è aperta!

Ahi, ahi, attenzione!
Il record del pomodoro da un chilo e mezzo forse è stato già battuto: secondo Il Centro, a Pescara è stato raccolto un “pomodoro rosa” dal peso incredibile di 1 chilo e 800 grammi, coltivato da Antonio Candeloro, titolare dell’omonima azienda agricola di Fontechiaro a Francavilla. Chi offre di più?? 😉

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *