Altro che viaggi, le vacanze preferite dai bimbi si fanno in giardino

E’ passata un pochino sotto silenzio questa notiziola, quindi la riprendo perché, per molti versi, è sorprendente. In un’epoca in cui sembra che una vacanza senza viaggi in hotel di lusso sia una rinuncia insopportabile, un sondaggio della catena di supermercati Sainsbury’s scopre che i più piccoli non solo ne fanno a meno, ma volentieri scelgono altro. Emerge che, per la precisione, la vacanza preferita dai bimbi è quella che si trascorre in giardino, tra giochi con l’acqua (indimenticabili quelli con la canna per innaffiare, non li ricordate anche voi?), scherzi con gli amichetti e corse in bicicletta. Insomma, altro che crociere, attrazioni turistiche o megalopoli esotiche: la novità è che i bambini dai 5 agli 11 anni hanno gusti più verdi e casalinghi, tutti diversi da quelli che hanno in testa… i loro genitori.

Arrampicarsi sugli alberi, dare da mangiare alle anatre, raccogliere lamponi o mirtilli, pasticciare piantando fiori, far volare gli aquiloni si piazzano nella top ten delle attività preferite dai bimbi del 2012. Anche nei posti di sempre, ma dove abbondino parchi e prati, a contatto con la natura per lunghe giornate estive all’aria aperta. Il computer arriva molto dopo nelle loro preferenze, e comunque prima si posiziona meglio il cinema. Insomma, passatempi semplici ed estremamente low cost per ferie a misura di bimbo, in netto contrasto con i dictat del genitore perfetto di questi tempi, che inventa continuamente nuovi impegnativi divertimenti per i propri figli per paura che si “annoino”. E invece forse, per risparmiare e farli felici (almeno fino agli 11 anni)  basterebbe avere una casa con giardino 😉

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Altro che viaggi, le vacanze preferite dai bimbi si fanno in giardino

  1. Salvo che procurare una casa con giardino nelle aree metropolitane non sempre e’ cosi’ risparmioso.

    Anche avere dei nonni in una casa di campagna a cui mollare i pargoli non e’ da tutti.

    Non restano che agriturismi, b&b e pensioni di provincia, in una delle tante localita’ umili, meno costose e famose, ma bellissime di cui sono piene le nostre regioni … senza accalcarsi tutti lungo le riviere di grido o le localita’ piu’ rinomate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *