Lo Shuttle non ci passa? Semplice, abbattiamo 400 alberi!

Il vecchio Space Shuttle “Endeavour” va in pensione: da ora in poi la sua casa sarà un museo, il California Science Center Exposition Park. C’è solo un piccolo problema: i 20 chilometri che separano l’aeroporto di Los Angeles dalla meta. E come si fa a trasportare uno Shuttle? Volare non vola e in autostrada non passa sotto i ponti: bisognerà dunque che attraversi la città. E in particolare Inglewood, il comune limitrofo che, in quei venti chilometri, ha da tempo lunghi viali alberati. Ma lo Shuttle non ci passa, ci vuole più larghezza. La soluzione? Abbattere centinaia di piante che “ostacolano” il veicolo extralarge. Circa 400 alberi verranno sradicati. Ma i cittadini non ci stanno: i viali diventeranno un deserto, una volta concluso il transito, e il valore delle loro case si abbasserà. Invece per James Butts, il sindaco di Inglewood, si tratta di un piccolo sacrificio a fronte del buon ritorno pubblicitario che il passaggio dello Shuttle regalerà alla cittadina.

E da buon politico, sta cercando di sedare le polemiche: in realtà, dice, si tratta di “una grande occasione” per Inglewood a cui l’abbattimento permetterà “non solo di rimpiazzare con alberi nuovi i vecchi alberi, le cui radici invasive stavano rovinando la strada, ma anche di piantare due alberi per ogni vecchio albero abbattuto che è una cosa buona per il nostro piano di riforestazione”. Il museo pagherà infatti tutte le spese, circa 3 milioni di dollari, e si è impegnato a piantare 2 alberi per ogni albero abbattuto, lasciando scegliere ai singoli quartieri quali specie. Entro massimo 5 anni, affermano, i nuovi alberi raggiungeranno l’altezza di quelli originali. Ma molti cittadini non sono convinti: prima di poter ammirare di nuovo le proprie strade con alberi maestosi e belli come quelli che avevano, ci vorranno decenni e alcuni di loro semplicemente non faranno in tempo a vederli.

Restano i dubbi: siamo certi che tagliare 400 alberi, tra cui magnolie annose, fosse l’unica soluzione possibile? E comunque è ovvio che gli esili alberelli giovani come quelli che verranno ripiantati non potranno certo dare i benefici che davano esemplari di grandi dimensioni, né come ossigeno, né come ombra né come impatto estetico.

E voi, cosa ne pensate?

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

7 risposte a “Lo Shuttle non ci passa? Semplice, abbattiamo 400 alberi!

  1. Gli americani sono per le cose enormi si sa, ma la Nasa aveva trasportato tempo fa lo Shuttle su un’aereo, come mai ora sulla strada, e poi perchè strappare gli alberi, per far passare un aeeo, sembra proprio fantascenza!

  2. Ma di solito quando spostano uno shuttle che fanno? Spaccan su tutto quello che c’é attorno?!
    Smontarlo e rimontarlo una volta arrivati non é fattibile?
    Trasportatelo in verticale xD
    No a parte gli scherzi, trovo ridicola una cosa del genere.
    Ci sarà beh il modo di smontare quel bestione – almeno da farlo passare per quella cittadina.

  3. Mi meraviglio che la Nasa non abbia una soluzione a riguardo… Sono andati sulla luna cinquant’anni fa e adesso si perdono in un bicchier d’acqua? Suvvia siamo nel 2012 ci sarà pure un’alternativa…

  4. Io vado a vedere sia il decollo dalla Nasa che l’arrivo a Los Angeles

    Spostano lo shuttle su un boeing 747 fino all’aeroporto di LA poi da lī su strada fino al museo.

    Ogni giorno vengono tagliati migliaia di alberi per farne legname, una navicella da 1 miliardo di dollari merita di arrivare al museo nelle migliori condizioni possibili.

  5. Nell’articolo è specificato che il percorso in questione è il tragitto che deve fare dall’aeroporto (dove è stato portato) fino al museo, pochi chilometri di percorso.
    Dite di tagliarlo, noi italiani non ci rendiamo conto di quello che rappresenta lo shuttle per gli americani. Per loro è un simbolo, un monumento nazionale, praticamente è come chiedere a un romano di tagliare il colosseo…
    Se l’unica soluzione è tagliare gli alberi purtroppo deve essere fatto, basta ovviamente che in seguito vengano risistemati. Anche se da quello che ho capito ai cittadini non glie ne frega nulla degli alberi, ma solo del valore delle case…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *