Milano, più di 7mila alberi e la città si riempie di ciliegi

In arrivo migliaia di nuovi alberi a Milano per un totale di circa 7.300 nuove piante, che daranno un forte contributo al patrimonio verde della città. Il Comune, infatti, ha definito il piano di messa a dimora di 4.272 piante, in sostituzione di quelle rimosse perché instabili e, quindi, pericolose per la sicurezza dei cittadini. Ma non è tutto: infatti, approfittando dell’autunno, la stagione giusta per la piantumazione, è prevista la posa di circa ulteriori 3mila nuovi alberi, tra cui molti ciliegi, che il Comune provvederà a posare in aree verdi realizzate in scomputo degli oneri di urbanizzazione.

“Con questi interventi di posa di nuovi alberi stiamo migliorando non solo il centro ma tutte le aree verdi della città. L’attenzione per il verde, che è prioritario per la nostra Amministrazione, è il primo passo per migliorare la città e la qualità di vita delle persone, contribuendo anche a restituire l’immagine di una Milano più sostenibile”, ha dichiarato l’assessore alla Mobilità, Ambiente, Arredo urbano e Verde Pierfrancesco Maran.

Grazie a queste piantumazioni sale a oltre quota 45mila il numero di alberi in più in città, rispetto a quelli rimossi, su un totale di oltre 203mila, con un incremento di circa 3.000.000 di mq di verde fruibile rispetto al 2006. Tutti i 7.300 alberi saranno piantati nella stagione agronomica che inizia con l’autunno e si concluderà entro marzo 2013.

La distribuzione delle piante riguarda tutta Milano e in particolare: 290 alberi in Zona 1, 559 in Zona 2, 240 in Zona 3, 490 in Zona 4, 505 in Zona 5, 765 in Zona 6, 471 piante in Zona 7, 595 in Zona 8 e 357 in Zona 9. Per quanto riguarda, invece, i nuovi alberi in scomputo oneri ne saranno piantati 492 in Zona 2, 112 in Zona 3, 358 in Zona 4, 395 in Zona 5, 220 in Zona 6, 81 in Zona 7, 669 in Zona 8 e 687 alberi in Zona 9. Questi nuovi 3.014 alberi, oltre che nei vari parchi e aiuole milanesi verranno piantati in aree interessate da lavori di realizzazione di parcheggi alberati, di giardini attrezzati o filari stradali.

Tante le specie di piante che verranno messe a dimora. Tra quelle più “gettonate” perché più adatte al contesto urbano, ci sono i ciliegi (481), gli aceri (450), le querce (262), i liriodendri (269) e 268 esemplari di immancabili platani. Non mancano in questa lista, ovviamente, neppure le robinie (186), e le paulonie, splendidi alberi dalla fioritura lilla capaci di vivere molto a lungo.

Va infine ricordato che il verde urbano è sottoposto al controllo periodico con lo scopo di valutare le condizioni fitosanitarie e la stabilità di un albero. La verifica viene condotta periodicamente da circa 40 tra agronomi, tecnici specializzati e giardinieri, con competenze che vanno da elementi di patologia vegetale, entomologia, botanica, statica e meccanica del legno. I controlli utilizzano il metodo V.T.A (Visual Tree Assessment) per verificare la stabilità delle alberature, e identificano e analizzano anche i sintomi che l’albero manifesta per individuare preventivamente le piante a rischio, pianificando con precisione ogni genere di intervento per la salvaguardia del verde e dei cittadini.

Fonte: www.comune.milano.it

Share on Facebook0Share on Google+7Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Milano, più di 7mila alberi e la città si riempie di ciliegi

  1. Finalmente una buona notizia…
    Milano e una citta che merita di essere curata un po meglio.
    Io abito all estero e ogni volta che vengo a Milano per turismo si vede una citta mal curata.
    Scritte sui muri delle case ,bicilette,moto,posteggiate un po ovunque(ma il comune non fa i posteggi delle 2 ruote).
    Quello che poi fa rabbia e mette tristezza…si fa 2 passi in centro,la gente tutti vestiti all ultima moda..tutto bello e pulitoi nel centro storico..il resto della citta tutto buttato li.
    Poi non c e mai polizia a piedi..naturalmente in centro storico..c e tutto..fuori centro storico niente polizia.
    Perche?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *