Scoperto (e modificato) il gene dell’eterna giovinezza delle piante

Anche se la nostra vita media si è considerevolmente allungata, l’eterna giovinezza rimane un sogno affascinante. La scoperta di alcuni meccanismi sta portando i ricercatori a decifrare, almeno nel mondo vegetale, l’enigma dell’invecchiamento. E questo traguardo è stato raggiunto da alcuni ricercatori dell’Istituto Fraunhofer di biologia molecolare ed ecologia applicata IME a Münster, in Germania, con le loro piante di tabacco in laboratorio. Invece di morire dopo tre o quattro mesi, questi esemplari sono perfettamente in salute dopo quasi 8 anni raggiungendo una taglia “gigante” di più di 6 metri contro i 2 previsti: si tratta praticamente di piante che non invecchiano e possono rimanere per sempre giovani. Com’è stato possibile? I ricercatori hanno scoperto un interruttore genetico in grado di impedire alle piante di sbocciare e fiorire “bloccando” i meccanismi di senescenza che ne arrestano la crescita. Hanno così ottenuto delle piante sempre giovani. Continua a leggere

Mille carciofi in una Smart

L’idea geniale è di tre ragazzi che hanno pensato di fare una rapina sì, ma in stile, per così dire, agri-chic… Uno spot pubblicitario recita che un noto liquore a base di carciofo combatte “il logorio della vita moderna”, ma per due giovani di Gela il benefico ortaggio è stato invece solo causa di guai: sono stati infatti arrestati in flagranza con l’accusa di furto aggravato. I carabinieri li hanno sorpresi nei pressi di un fondo agricolo mentre stavano caricando su una Smart, ed anche questo rappresenta a suo modo un record, circa mille carciofi. Continua a leggere

Al via il censimento degli alberi dell’Amazzonia

Che sia uno degli ultimi e più importanti polmoni verdi della Terra, si sa. Che sia lo sconosciuto ricchissimo scrigno vegetale di medicine per guarirci dalle malattie, si dovrebbe sapere. E che ogni giorno ne scompaiono intere porzioni per l’ingordigia di aziende di tutto il mondo è altrettanto noto. La novità è che però finalmente il governo brasiliano ha deciso di fare un censimento su ampia scala per capire cosa c’è davvero dentro l’Amazzonia. Ha annunciato così uno studio quadriennale che prevede, tra l’altro, il censimento di tutti gli alberi presenti in una elle maggiori foreste tropicali del pianeta. Continua a leggere

E sulle passerelle dell’alta moda sfila l’abito-fiordaliso di Renato Balestra

Blu fiordaliso, inconfondibile, delicato come un sogno, quello dell’alta moda: è il colore preferito di Renato Balestra quello del fiore da sempre molto amato per la forza delle tinta e la leggerezza della forma. E’ la corolla selvatica, amica dei campi di grano e dei papaveri rossissimi, il tema della nuova collezione che ha sfilato a Roma a Santo Spirito in Sassia con l’inaugurazione della nuova sede della maison in un villino Liberty in pieno centro storico. La nuova collezione intanto sfodera il colore prediletto dal couturier: come Armani ha il suo greige, Biagiotti il bianco, Valentino il rosso, Balestra ha il suo blu. Un colore che nelle nuove proposte viene contrapposto solo al bianco. Continua a leggere

Finalmente i fiori si possono indossare: e durano per sempre!

isabelle_jewels1

Tutti gli stilisti propongono prima o poi nelle loro collezioni abiti dai tessuti floreali che ci fanno sognare profumi e colori delle corolle. Ma si tratta comunque sempre di stoffe stampate o lavorate, non di veri e propri fiori. Invece la possibilità di avverare un sogno, quello di vestirsi davvero con gli eterei petali, si può avverare, almeno nella parte degli accessori. Fiori reali, assolutamente naturali, sono infatti i protagonisti inconsapevoli dei bijoux di Isabelle, che propone i suoi preziosi collier in Rete e sui social network. La particolarità di questi gioielli? La tecnica.

Continua a leggere

Il sale? Mette le piante sotto stress

Qualche tempo fa abbiamo parlato con un agronomo di quanto sia pericoloso il sale sparso come antighiaccio per gli alberi lungo le strade di città. Ma dal punto di vista scientifico, finora non era chiaro esattamente come il sale riuscisse a bloccare la crescita delle radici delle piante.

Un team di ricercatori della Carnegie Institution, guidato da Josè Dinneny e Lina Duan, ha scoperto che non tutte le radici sono inibite allo stesso modo dal sale. La ricerca ha per la prima volta rilevato che ad essere sensibile al sale è un sottile strato interno di tessuto nella ramificazione della radice. Lo strato attaccato dal sale attiva un ormone dello stress che fa da campanello d’allarme e ferma la crescita delle radici. Continua a leggere

Una ricadente in miniatura per un balcone verde anche d’inverno

Un vaso sospeso di Muehlenbeckia, verdissima in pieno inverno

Balconi e terrazzi soffrono l’abbandono dove le piante e gli esseri umani devono fare i conti con un inverno lungo e gelato. Ma un aiuto per rendere cestini sospesi e balconette un minimo più decorativi viene da una piantina insospettabile. Talmente innocente che mai le attribuireste le caratteristiche indispensabili per poter resistere (e anzi far pure bella figura) nel vostro angolo verde anche sotto i colpi più duri della brutta stagione. Talmente innocente, direi, che spesso e volentieri neanche i garden le danno gran credito e la sua leggiadra ed esile apparenza che le è valso il nome inglese di “capelli d’angelo” inganna molti vivai che, pur vendendola, travisano la sua vera natura collocandola nel reparto delle piante da interno, vicino a violette africane e dracene. Ma c’è anche un secondo nome che dice meglio di questa piantina minuta: “wire vine”… Continua a leggere