Frutti tropicali in terrazzo sotto la neve? Con la Feijoa si può!


Durante l’inverno, capita di viaggiare con la mente verso isole e paesi dai caldi scenari tropicali: splendide spiagge, sole cocente, palme, colori e profumi di affascinanti e curiosi frutti esotici. Ecco, spegnete il sogno per un attimo, il tempo di dirvi che quei frutti così particolari e gustosi non sono poi così lontani, anzi: potrebbero trovare posto proprio sul vostro balcone. Fuori, tra neve e gelo. Dai, impossibile! Non proprio. C’è un albero da frutta tropicale che si adatta benissimo a vivere e – quel che più importa, a fruttificare – anche da noi, al sud come al nord: è la Feijoa (o Acca sellowiana) e i suoi frutti profumatissimi sanno di ananas e fragola…

I TROPICI ARRIVANO IN CITTA’
Ebbene sì: se quando andate al super, non riuscite a resistere di fronte agli strani frutti che vengono da lontano, allora l’Acca è la specie giusta per voi. La sua resistenza al freddo intenso è scoperta piuttosto recente: fino a qualche anno fa, la Feijoa era considerata appannaggio di giardini botanici e serre. Ma ha dimostrato invece di non subire danni per il gelo, e soprattutto di essere produttiva anche coltivata in condizioni ben diverse a quelle di origine. E dove finisce il buono di questa pianta, inizia il bello.

I fiori della Feijoa, bianchi all’esterno e amarena all’interno

PERFETTA IN UN VASO SUL TERRAZZO
Oltre ad adattarsi a crescere in vasi capienti, e svilupparsi come un gradevole alberello di dimensioni contenute (intorno ai 3-4 metri circa), la Feijoa è una pianta perfetta per terrazzi e giardini del nord Italia perché rimane molto molto decorativa tutto l’anno. Prima di tutto perché è una specie sempreverde: vestirà dunque ottimamente il vostro angolo verde con le sue foglie di un bel verde oliva dalla lamina argentata. Secondo: perché ha una fioritura molto particolare. I suoi fiori sono piccoli raffinati gioielli color rubino con dei petali carnosi che spuntano sui rami dell’anno prima e si possono …mangiare! Li potrete assaggiare alla fine della primavera, quando la pianta fiorisce, in attesa dei frutti, che verranno prodotti ad ottobre.

I FRUTTI DELLA FEIJOA
I vivaisti che si sono accorti delle potenzialità della Feijoa stanno iniziando a venderla, quindi se la cercate, avete buone possibilità di trovarla. I frutti sono grandi come uova e hanno una polpa biancastra con piccoli semi: si possono gustare freschi scavandoli con un cucchiaino oppure farci una marmellata molto aromatica. Con le sue foglie essicate si può fare un té delicato. Attenzione, esistono anche delle cultivar selezionate per dare frutti più grandi come la ‘Mammouth’ e alcune autoimpollinanti (anche se per una produzione più abbondante, è comunque sempre consigliabile avere due esemplari): la resa più rapida è data dalle piante innestate, quindi informatevi prima dell’acquisto!

COME COLTIVARLA IN VASO
Potete acquistarla in ogni momento dell’anno. Un consiglio: lasciate stare il seme e optate per una piantina innestata, già in forma d’albero, alta almeno un metro. Le soddisfazioni verranno prima. Appena l’acquistate, rinvasatela in un contenitore capiente. Mettetela in pieno sole per assicurarvi abbondanti fiori e la maturazione dei frutti. Il terriccio universale un po’ torboso che trovate nei garden va benissimo (se potete, con qualche manciata di stallatico) ma assicuratele un buon drenaggio mettendo un buono strato di palline di argilla espansa sul fondo del vaso. Ricordatevi di darle un po’ di concime a primavera: avrà più energia per fruttificare.

Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

11 risposte a “Frutti tropicali in terrazzo sotto la neve? Con la Feijoa si può!

  1. Ecco, la Feijoa mi manca, ma sto sperimentando l’Asimina Triloba, altro frutto esotico resistentissimo al gelo; nel 2013, se bene ho interpretato le gemme sui rami spogliati dal gelo, dovrei vedere i suoi primi fiori e spero i primi frutti.

  2. On-line si trovano facilmente, nei vivai più forniti anche. A Milano poi c’è una nota ditta di vendita per corrispondenza che da quasi 200 anni rifornisce appassionati e professionisti del giardino e ha entrambe le piante in catalogo.

  3. ecco il classico INCOMPETENTE! NON è vero che la feijoa resiste al gelo intenso perchè già a – 7 gradigradi muore e tipo in pianura padana la temperatura arriva anche a -18 gradi,non per niente è coltivate nelle zone a clima mite.

  4. Io di freijoa ne ho due in giardino, sono di media altezza, ovvero due metri circa, con il tronco avente una circonferenza di cm.10 circa. Dovendo cambiare abitazione mi piacerebbe portarmeli per trapiantarli nel giardino della mia nuova abitazione. Se riuscirei a prelevarli con tutte le radici e la terra intorno, chissà se attecchirebbero una volta rimessi a dimora? Se possibile vorrei avere una risposta al mio indirizzo di posta elettronica grazie mille.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *