Dalla Francia arriva il mirtillo rosa da coltivare sul balcone

mirtillo_rosa_bacche

I piccoli frutti sono un’aggiunta molto intrigante ai soliti fiori da tenere sul balcone. E su questa nuova frontiera si sta indirizzando il lavoro di selezione dei produttori e dei vivaisti, sempre alla ricerca di nuove specie o varietà che possano attirare il pubblico. Ed è di questi giorni la presentazione delle 50 piante che verranno proposte come novità al Salon du Végétal, l’esposizione professionale che si terrà, come ogni anno, ad Anger in Francia a febbraio (quest’anno nei giorni 19-20-21). Tra i tanti arbusti, Fiori&Foglie ha notato un “candidato” più interessante degli altri: il mirtillo a bacche rosa. Decisamente originale, non trovate? 😉

UN NUOVO MIRTILLO SUL BALCONE
Il mirtillo rosa ha un nome proprio, naturalmente: si chiama Vaccinium corymbosum ‘Pink Lemonade’ ed è stato selezionato proprio per questa particolarità insolita legata al colore dei frutti che lo rende ancora più decorativo. Appartiene alla categoria dei mirtilli americani, che si distinguono per la vigoria e per i frutti di maggiori dimensioni. Si tratta di un arbusto a cespuglio che fiorisce a primavera con piccoli fiori a campanella bianchi che si trasformeranno nei deliziosi frutticini durante l’estate. I rametti ad autunno poi assumono tinte rosse, dandogli un altro momento di gloria. Considerate le dimensioni, è dunque un perfetto candidato per un balcone o un terrazzo non troppo esposti al sole.

MIRTILLO ROSA: COME SI COLTIVA
Il mirtillo ‘Pink Lemonade’ selezionato dal vivaio La Fôret (www.la-foret.com) può essere coltivato in un vaso capiente ma ricordate di regalargli del terriccio acido come quello che si usa per azalee e rododendri, ricoprendo poi la superficie del vaso con uno strato di corteccia spezzettata (si trova in tutti i garden) per evitare che si asciughi troppo d’estate e che le radici superficiali si danneggino d’inverno. Trovate un angolo per lui in una posizione semi ombreggiata: al fresco in genere il mirtillo cresce meglio e un po’ di sole contribuirà a rendere i frutti più dolci.

Secondo le informazioni dei produttori, il mirtillo rosa è autofertile, riesce cioè a produrre i frutti senza bisogno di una seconda pianta. Insomma, considerate le caratteristiche, potrebbe valere la pena coltivarlo per assaggiarne i frutti!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *