Una rosa avrà il nome di Melissa Bassi, la sedicenne uccisa davanti alla scuola di Brindisi

We cannot display this gallery

Petali profumati che portano il nome di Melissa Bassi, la studentessa di 16 anni morta nell’attentato compiuto il 19 maggio scorso alla scuola ‘Morvillo-Falcone’ di Brindisi. A lei è stata dedicata la nuova varietà di rosa creata in Francia dall’ibridatore Delbard, che regalerà 100 rosai ‘Melissa’ al Comune di Brindisi. Le piante verranno messe a dimora nel giardino intitolato alla sedicenne, la cui inaugurazione è avvenuta stamattina alle 11.00 proprio di fronte alla scuola teatro del delitto.

A comunicare al sindaco di Brindisi Mimmo Consales la realizzazione e la disponibilità alla fornitura gratuita è stato proprio Georges Delbard. L’iniziativa – informa un comunicato del Comune di Brindisi – risale allo scorso mese di maggio: in occasione dei lavori del Concorso Internazionale delle Nuove Rose Premio Roma (ricordate le rose vincitrici?), si apprese di quanto era appena accaduto a Brindisi. E fu in quella circostanza che si pensò di realizzare una nuova rosa quale simbolo contro la violenza.

La rosa ‘Melissa’ è nata poi dalla collaborazione tra l’Associazione Italiana Direttori e tecnici dei pubblici giardini e il vivaio francese: la varietà appartiene al gruppo delle ‘floribunda’, arbusti a cespuglio dalla ricca fioritura portati sui rami a mazzetti di 3-5 fiori, di color panna con sfumature ocra ed il cuore rosato dal tocco albicocca. Molto profumata e resistente, può essere coltivata in vaso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *