La canzone dei nuovi ortisti


Una verde rivoluzione silenziosa si sta sviluppando nelle periferie più povere, nei sobborghi cittadini più trascurati: è la voglia di produrre da soli il cibo di cui abbiamo bisogno. Senza dipendere da un supermercato o da un negozio, da una banca o da un governo, da prezzi stabiliti da ignoti gruppi di potere, che decidono secondo i propri fini il valore del denaro. Il cibo si può comprare ma si può anche coltivare: farlo, lo stiamo scoprendo, è faticoso ma ci fa sentire molto molto bene. Sarà per questo che qualcuno ha pensato di comporre una colonna sonora per parlare a tutti di questa scoperta. “Home Grown” è una canzone rap di Keith Cross, un cantante americano che parla con un sound trascinante di questa rivoluzione che si fa con gli orti, sporcandosi le mani nella terra, prendendosi cura giorno per giorno di piante in grado di nutrirci, alla faccia di qualunque Down Jones.

I semi di melanzane, peperoni, cipolle e pomodori diventano così la moneta per un’economia diversa, dove non si vende ma si scambia. Utopia? Forse, ma il movimento dell’autoproduzione sta creando una nuova generazione di coltivatori urbani che sta trasformando senza clamore le città di tutto il mondo. Keith Cross ci ricorda che per sopravvivere alla crisi con dignità basta poter lavorare un pezzo di terra tra sole, acqua e vento. Che nelle nostre mani, con un piccolo aiuto vegetale 😉 sta la chiave di una vita più felice.

Ecco testo e video di Home Grown: e con questo grintoso pezzo nelle cuffie, che aspettate a trasformarvi anche voi in ortisti in erba?

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *